Peter Sagan squalificato dal Tour de France. Clamorosa la decisione della direzione della Grand Boucle, che ha punito così il contatto tra lo slovacco e Mark Cavendish nel corso della volata della quarta tappa. Inizialmente a Sagan erano stati inflitti 30″ di penalità nella classifica generale e ben 80 punti in meno nella classifica della maglia verde.

Questa mattina c’è stata una conferenza stampa improvvisata, in cui Peter ha dichiarato la sua innocenza. “Mi dispiace per quanto successo a Mark Cavendish, gli auguro un pronto recupero. Io però sono innocente, non ho causato quella caduta. E’ stata una volata folle, come ce ne sono state tante e ce ne saranno ancora. Rispetto la decisione della giuria, ma ripeto non mi sento colpevole. Non sapevo neanche che Cavendish stesse arrivando alla mia destra. Ci siamo toccati ed è caduto, mi dispiace tantissimo”.

Cavendish è caduto a circa 200 metri dall’arrivo, a 60 km/h. Dalle immagini si vede che Sagan allarga il gomito, da lì la caduta. Il Tour de France perde così due protagonisti: Sagan squalificato e Cavendish infortunato (per lui spalla fratturata ed altre ferite).

La volata è stata poi vinta dal francese Demare. Oggi quinta tappa: la corsa gialla da Vittel a la Planche des Belles Filles, frazione di 160,5 chilometri.