Ancora grane sul fronte giallorosso per quanto riguarda la questione infortuni. Durante l’allenamento della mattinata di ieri il centrocampista Salih Uçan ha riportato un trauma contusivo-distrattivo all’articolazione metatarso-falangea dell’alluce del piede sinistro. Da un comunicato della Roma è stato evidenziato “un impegno distrattivo capsulo/legamentoso di alto grado ed una microavulsione ossea fratturativa parcellare della testa del metatarso“. Per il giocatore turco si parla di circa un mese di stop.

La fiducia “cronometrata” concessa a Rudi Garcia invece ha ridestato entusiasmo sia nel tecnico francese sia nell’ambiente in generale. Dopo il periodo vacanziero Garcia ha voluto tenere un discorso alla squadra ricordando non soltanto impegni e obiettivi stagionali ma anche uno spirito di gruppo che comunque, anche nei momenti più neri, non è mai mancato. Il 6 gennaio si riprende da Verona dove i giallorossi saranno impegnati col Chievo in campionato. Queste le parole di Garcia a Trigoria finalizzate a ricaricare la squadra: “La vittoria con il Genoa ci ha rimesso in sella e a cominciare da Verona è il momento di attaccare con convinzione i primi posti“. Consapevole della forza della Roma, della qualità di un organico che ha le carte in regola per ambire a posizioni di alta classifica.

La nota più positiva di tutte è senza dubbio l’imminente ritorno di Francesco Totti in campo dopo l’infortunio che lo ha tenuto in questi primi mesi lontano dal rettangolo verde. La convocazione col Chievo è quasi data per scontata visto che il capitano giallorosso è tornato ad allenarsi alla grande e con una voglia paragonabile a quella di un ragazzino. Ieri a Trigoria c’è stata la prima doppia seduta delle tre previste fino alla ripresa del campionato alla quale, oltre Totti, hanno preso parte anche Gervinho e Keita, altri giocatori fondamentali recuperati da Garcia, mentre ancora Strootman e Capradossi hanno svolto sessioni personalizzate proseguendo con il loro programma di riabilitazione.