Non c’è pace per la Roma e per Kevin Strootman, che si è infortunato di nuovo e rimarrà fuori dai campi di gioco per almeno altri due mesi.

Si allungano, dunque, i tempi di recupero del centrocampista olandese, che tornerà pienamente a disposizione di Rudi Garci soltanto verso la metà di ottobre.

Strootman, una storia fatta di infortuni

Il giocatore non ha avuto molta fortuna da quando è sbarcato in Italia: il suo è un vero e proprio calvario che, ad oggi, sembra davvero senza fine. E dalle parti di Trigoria tutti sperano che non ci siano ulteriori sviluppi e complicazioni.

Il centrocampista olandese ha subito due operazioni consecutive al ginocchio sinistro, l’ultima il 30 gennaio scorso; alla base del problema, la rimozione di tessuto fibroso e un danno alla cartilagine che non sembra dargli pace.

Già nel ritiro di Pinzolo Strootman aveva sostenuto degli allenamenti differenziati rispetto al gruppo, nel tentativo di rafforzare la muscolatura. Nei giorni scorsi delle visite, una in Olanda dal chirurgo che l’ha operato e una a Roma.

Possibile che alla finestra ce ne possa essere una terza nei prossimi giorni, per cercare di approfondire ulteriormente una situazione già di per sé molto delicata.

Si allena regolamente

Il giocatore, comunque, si è allenato regolarmente a Trigoria, anche se ovviamente il suo morale è decisamente molto basso. Il programma riabilitativo che dovrà rispettare, del tutto inaspettato, ha colto alla sprovvista anche lo staff medico e tecnico della Roma, che sperava di averlo a disposizione da metà settembre.

Il ritorno ad ottobre

Strootman, dunque, farà ritorno sui campi di gioco solo a metà ottobre. Ora rimarrà da capire se la Roma deciderà di inserirlo ugualmente in lista Champions League, andando ad occupare magari una posizione che potrebbe essere di un altro giocatore, o se lo lascerà fuori.