La Roma non trova pace neanche dopo la sonante vittoria col Milan, che regala ai giallorossi il controsorpasso sul Napoli al secondo posto. Pomo della discordia il mancato ingresso di Francesco Totti nel finale di una partita che aveva già detto tutto.

La domanda di un giornalista fa sbottare Luciano Spalletti. “Se lo inserisco per cinque minuti dite che lo prendo per il c***. E’ da quando sono a Roma che lo dico. Non datemi la gestione della storia di Totti, ma del calciatore. Contro il Palermo mi ha detto che aveva mal di schiena, per questo non l’ho fatto entrare. E’ finita che ha telefonata a Chivu, a Bergomi…”.

“Appena sono arrivato ho chiesto al presidente di fare immediata chiarezza su questo aspetto, ma evidentemente non sono stato capito”, ha continuato Spalletti, che non risparmiando critiche al club ha attaccato anche i suoi predecessori. “Non ho gestito Totti in maniera differente da altri allenatori, che falliscono, vanno via e zitti…”.

“Se tornassi indietro non allenerei la Roma…Perché non l’ho fatto entrare? Mancavano pochi minuti, Salah mi pareva stanco e il Milan continuava ad attaccare, ho fatto questo tipo di valutazione. In ogni caso siamo ad un punto sopra il Napoli che va forte e dite tutti che giochi il miglior calcio d’Italia. Noi però siamo secondi e dite che abbiamo fallito…”.