Come da previsioni, il tracollo della Roma a Barcellona per 6-1 in Champions League e, soprattutto l’atteggiamento gravemente rinunciatario della squadra, non è stato gradito ai piani alti della società capitolina. Il presidente Pallotta ha fatto sapere tramite una telefonata al ds Walter Sabatini tutto il suo disappunto per la sconfitta e la figuraccia rimediata, nel minivan della Roma inoltre, stando alle voci di Mediaset Premium, sarebbe scoppiato un acceso alterco tra il direttore sportivo giallorosso e il tecnico Rudi Garcia.

Ai microfoni dell’emittente di proprietà di Berlusconi, Sabatini ha commentato con queste parole la disfatta della Roma al Camp Nou e anche l’ipotesi di un contraccolpo psicologico: “No, escludo che questa sconfitta possa procurare un contraccolpo psicologico sul campionato. Siamo già passati da un’esperienza così negativa anche l’anno scorso (contro il Bayern Monaco, ndr) e dobbiamo porre immediatamente rimedio a questo risultato ma senza piangersi addosso, senza iniziare a parlare di autostima crollata perché si tratta di una partita di calcio giocata contro una formazione straordinaria“.

Sabatini sottolinea l’interferenza del risultato conosciuto in anticipo dell’altro match del Gruppo E, il pareggio favorevole alla Roma tra Bate Borisov e Bayer Leverkusen: “Forse non ci ha aiutato neanche l’idea che si poteva anche perdere visto il risultato di Borisov. Ma niente scuse, è una bruttissima botta, siamo molto dispiaciuti ma niente di più. Questi giocatori possono fare molto di più, loro lo sanno e tireranno subito fuori il massimo come hanno sempre fatto perché questa squadra reagisce sempre di fronte a situazioni di grande negatività come questa. Se ho detto a Luis Enrique che ci ha fatto capire molte cose stasera? Si, è una riflessione che ho esteso al nostro ex allenatore. Tutte le partite, anche quelle che si vincono, ti raccontano una storia e le devi interpretare e capire. E lo devo capire io, lo deve capire l’allenatore e certamente devono capirlo i giocatori che sono consapevoli di non aver fatto la miglior partita che potevano fare“.

Naturalmente il direttore sportivo cerca di fare buon viso a cattivo gioco guardandosi bene dal creare motivi di tensione in un momento delicato dove serve concentrazione e armonia di gruppo, però è chiaro che l’atteggiamento mostrato da parte di squadra e allenatore non è facile da metabolizzare: “Più colpevole la squadra del mister? Le sconfitte non devono per forza avere dei colpevoli, abbiamo giocato male, siamo andati nel pallone ma noi vogliamo essere generosi con i nostri giocatori che meritano la stima della società e dei nostri tifosi che ringrazio per l’atteggiamento di stasera. Hanno cantato anche a fine partita e dopo un 6-1 è un’impresa ardua. Roma peggior difesa della Champions? È un problema che sta cercando di risolvere il mister. Deve migliorare tutta la squadra non solo la difesa. L’episodio di stasera è negativo ma la squadra ha sempre fatto bene. È vero che abbiamo preso tanti gol ma ne segniamo di più, quindi è un problema anche di atteggiamento: vogliamo produrre calcio e per fare 3-4 gol rischi di subirne ma miglioreremo“.