L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport segnala due dettagli assolutamente da non sottovalutare nella trattativa che potrebbe portare alla cessione di Miralem Pjanic da parte della Roma. Due dettagli che potrebbero facilmente indirizzare il giocatore verso la Juventus. Il primo è una sorta di “clausola” nella clausola: pare infatti che dei 38 milioni chiesti dalla società giallorossa per cedere il calciatore, il 15% andrebbe proprio nelle tasche di Pjanic. Questo vuol dire che alla Roma potrebbe convenire fare una trattativa al di là della clausola.

Il secondo punto da tenere assolutamente in esame è senz’altro legato a Rudiger. L’infortunio subìto ieri complica davvero parecchio le cose dalle parti di Trigoria, diventando sia un problema tecnico che economico. Il difensore tedesco era stato riscattato dalla società giallorossa solo qualche giorno fa per la cifra di 9,5 milioni di euro, versati puntualmente nelle casse dello Stoccarda ed era il principale indiziato a essere “sacrificato” (direzione Chelsea di Antonio Conte) per rimpinguare il tesoretto che la Roma metterà nelle mani del direttore sportivo Walter Sabatini in sede di mercato estivo. Ora, a causa di quest’infortunio e del conseguente stop di sei mesi per il giocatore, la società è praticamente costretta a togliere Rudiger dal mercato (chi comprerebbe un giocatore indisponibile per tutto questo tempo?) e si vede obbligata a cambiare in corsa le strategie per reperire soldi freschi da reinvestire nel mercato. A questo punto – a meno di sorprese dell’ultim’ora -, la cessione di Pjanic diventa praticamente certa e rispetto a ieri, chi vuole comprarlo sa bene che ora la Roma adesso non potrà essere più così irremovibile sul prezzo definitivo.

Tornando alla clausola scoperta dalla Gazzetta, qualora il 15% sulla cessione (ricordiamo che il prezzo fissato dalla Roma è di 38 milioni) dovesse realmente andare nelle tasche del giocatore, è chiaro che la trattativa potrebbe essere impostata su altre basi. I bianconeri potrebbero proporre addirittura 32-33 milioni di euro e magari valutare l’opportunità d’inserire contropartite tecniche nell’affare. Ai giallorossi potrebbe far comodo Caceres, per esempio. Dopo l’infortunio a Rudiger, la Roma sarà dunque ora costretta a pensarci, quantomeno. Pjanic, dal canto suo, è da poco rientrato a Roma dopo qualche giorno di vacanza a Ibiza e non è escluso che possa incontrare il club negli ultimi giorni di questa settimana o – al più tardi – la prossima. Sia Juve che Roma, ognuna con esigenze diverse, ha la necessità di chiudere l’affare entro giugno, dunque la sensazione è che la trattativa non andrà avanti per tutta l’estate diventado una sorta di tormentone: Pjanic alla Juve si decide in questi giorni.