Oggi a Trigoria si è rivisto Radja Nainggolan, reduce da un europeo giocato ad altissimi livelli, anche se piuttosto avaro di soddisfazioni per il suo Belgio. Nonostante ciò, chi ha visto il giocatore lo descrive come “sorridente e sereno”, sicuramente con tanta voglia di riposarsi dopo le fatiche del torneo continentale, che è arrivato dopo una stagione piuttosto faticosa. Il centrocampista belga non era atteso al centro sportivo della Roma, ma è voluto presentarsi lui stesso prima di concedersi qualche giorno di vacanza, per prendere personalmente il programma d’allenamenti previsto per le ferie, preparato da mister Spalletti e dai preparatori atletici Norman e Lippie. Dopo aver ritirato i “compiti per le vacanze”, Nainggolan si è intrattenuto una quarantina di minuti con il direttore sportivo giallorosso Walter Sabatini e con quello generale Mauro Baldissoni: una chiacchierata normale, sulla prossima paternità, sulle vacanze e sull’europeo.

Il rapporto tra Nainggolan e la Roma sembra più solido che mai: la società giallorossa nei giorni scorsi ha respinto l’offerta del Chelsea di Antonio Conte e a breve adeguerà lo stipendio del centrocampista, pareggiandolo con l’offerta del club londinese: 4 milioni di euro a stagione, più bonus. Gli era stato promesso, lo avrà. La questione dunque appare ormai definitivamente chiusa, al punto che lasciando il centro sportivo, il “ninja” ha detto «Con Sabatini tutto tranquillo. Se resto a Roma? Sì». Più chiaro di così, davvero non poteva essere.

Nel frattempo, dopo aver incontrato Nainggolan a Trigoria, il direttore sportivo Sabatini ha preso un volo direzione Milano: lo aspettano per risolvere alcune questioni di mercato piuttosto urgenti. C’è da definire innanzitutto il prestito oneroso di Iago Falque al Torino (dunque il giocatore potrebbe non essere presente domani al raduno della Roma), Ljajic, dopo essere stato conteso a lungo tra la società granata, la Juve, l’Inter e il Milan, sembra ormai vicinissimo al Celta Vigo, che offre alla Roma 8 milioni per il cartellino del giocatore: affare in dirittura d’arrivo. Per quanto riguarda la difesa, Sabatini farà di tutto per prendere Juan Jesus dall’Inter entro sabato, data d’inizio ufficiale del ritiro giallorosso. Castan è praticamente un giocatore della Sampdoria, manca solo l’annuncio ufficiale. Paredes, che nell’ultimo anno ha ben figurato nelle fila dell’Empoli potrebbe finire allo Zenit per 15 milioni, ma per questa trattativa ci sarà ancora tempo per discuterne, Spalletti vorrebbe prima valutare il ragazzo durante il ritiro.