La Roma vuole puntellare la rosa e vuole assolutamente farlo prima del preliminare di Champions League, primo vero spartiacque della stagione. I giallorossi non vogliono farsi trovare impreparati a quello che sembra essere già un appuntamento cruciale per l’annata romanista e dunque il direttore sportivo Sabatini sta lavorando alacremente sul mercato per dare a Luciano Spalletti gli elementi di cui ha bisogno.

Il primo tra questi è sicuramente Szczesny. Il portiere polacco dovrebbe tornare nella Capitale ancora una volta in prestito: l’allenatore si fida molto di lui e lo vorrebbe un altro anno per far crescere con tutta calma Alisson, che sarebbe così introdotto gradualmente nel campionato italiano. L’altro obiettivo è sicuramente un difensore, oltre che un centrocampista. I soldi per finanziare queste operazioni (non tutti chiaramente, ma buona parte), potrebbero essere ricavati dalla cessione di Leandro Paredes. Il giovane centrocampista argentino è seguito da molte squadre e Sabatini vorrebbe provare a venderlo per non meno di 15 milioni di euro. A Spalletti il ragazzo piace molto, lo sta facendo lavorare intensamente ed è piuttosto soddisfatto del rendimento che Paredes sta offrendo in questa fase del ritiro. Però non è considerato sicuramente un intoccabile: qualora dovesse arrivare l’offerta giusta, il centrocampista ex Boca Juniors potrebbe partire.

Per il centrocampo, la Roma sta puntando Diawara del Bologna, con cui sembra ormai sia d’accordo su tutto. Mancano da limare soltanto gli ultimi dettagli, dopodiché il giocatore potrà trasferirsi alla Roma. Discorso diverso per quanto riguarda la difesa: Sabatini pare essere tornato prepotentemente su Vermaelen del Barcellona, che era stato indicato come prima scelta. I blaugrana però un mese fa avevano rifiutato di cedere il giocatore in prestito e dunque la Roma ha “ripiegato” su Juan Jesus. Oggi però le cose sembrano essere cambiate e non è affatto escluso che entro la fine di questa sessione del calciomercato non possa arrivare il difensore che tanto piace al direttore sportivo. Dipenderà da molte cose, inclusa, ovviamente, la cessione di Paredes.