All’Olimpico la Juventus vince 1-0 contro la Roma e si porta a quota 99 punti distaccando i giallorossi, secondi in classifica, di ben 14 lunghezze. Troppa Juve. Grandissima prestazione di Storari che para l’imprendibile. Degnissimo sostituto di Buffon, salva il risultato in più di un’occasione. A scudetto già acquisito Conte gli sta regalando la giusta e meritata ribalta e lui lo ripaga in pieno. Osvaldo entra tra i fischi dell’Olimpico e lo zittisce con la rete che decide il match. E’ il suo primo centro in campionato con la maglia della Juventus. Splendido il labbiale del suo allenatore che dopo la rete gli dice ‘grazie, grazie Daniel‘. Non fantastiche le prestazioni di Padoin e di un nervoso Chiellini che ora rischia la prova televisiva per una gomitata a Pjanic.

Pagelle Juventus

STORARI 7.5: il vice di Buffon si esalta. Si supera su Gervinho, Nainggolan e Florenzi. Non sbaglia nulla e salva più volte il risultato. E’ fenomenale.

BARZAGLI 6.5: non è particolarmente agile, ma se la cava molto bene con l’intelligenza tattica e l’esperienza. Prova più che sufficiente.

(CACERES n.g.)

BONUCCI 6: con Pirlo abbastanza pedinato, Conte gli chiede di avere coraggio e provare a impostare. Lo fa a sprazzi. In fase difensiva ha qualche difficoltà a marcare Gervinho.

CHIELLINI 5.5: molto, troppo nervoso. Si becca spesso con gli avversari, Totti in primis. Nonostante fosse già ammonito, nella ripresa rifila una brutta gomitata a Pjanic. Rischia la prova televisiva. Mette comunque il solito impegno e la consueta tenacia.

LICHTSTEINER 6.5: sull’out di destra corre senza soluzione di continuità. All’ultimo secondo non sente la stanchezza, riesce ad arrivare sul fondo e mette una palla geniale per Osvaldo che trova il vantaggio. Pendolino straordinario.

POGBA 6.5: il solito strapotere fisico. E’ in grande forma e regala buone giocate rendendosi spesso pericoloso. Difende e si inserisce. Colpisce anche un palo.

PIRLO 6: non è nel suo miglior momento. Prova a trovare l’imbeccata per i compagni, ma fatica.

PADOIN 5.5: non disputa una gara fantastica. Fatica a contenere gli avversari e si propone raramente. Non conferma la buona prestazione di lunedì scorso contro l’Atalanta.

(MARCHISIO n.g.)

ASAMOAH 6: non si propone spesso in fase offensiva e non aiuta troppo Chiellini che ogni tanto va in apprensione contro la velocità di Gervinho. Ci mette comunque il solito grande impegno.

TEVEZ 6: non è il solito fantastico Tevez. Probabilmente avverte un po’ di stanchezza dovuta allo straordinario campionato condotto. Il titolo di capocannoniere si allontana. L’Apache ha tre reti di distanza da Immobile e una da Toni.

LLORENTE 6: più attivo del compagno di reparto, fa soffrire parecchio Castan e Benatia, ma trova di fronte a sè un ottimo Skorupski. A volte è un po’ impreciso semplificando il lavoro del portiere giallorosso.

(OSVALDO 6.5: al 29′ entra in campo al posto di Llorente tra i fischi assordanti dei tifosi giallorossi. Non tocca mai il pallone, ma all’ultimo secondo di gara raccoglie un assist di Lichststeiner e spedisce la sfera all’incrocio dei pali. Un bolide che zittisce l’Olimpico. Per i supporter della Roma subire gol all’ultimo secondo da un ex tanto odiato che veste la maglia bianconera è veramente dura da digerire. Conte lo ringrazia.)

All. CONTE 7.5: la Juve raggiunge quota 99 punti, spedisce la seconda in classifica a 14 lunghezze di distacco e vince anche a Roma contro i giallorossi dove con Conte in panchina non aveva mai trionfato. Sfatato anche questo tabù. Magnifico. Non ci sono parole per descriverlo.

Pagelle Roma: Skorupski 7; Torosidis 6.5; Benatia 6 (Toloi 6); Castan 6; Bastos 6; De Rossi 6 (Taddei 6); Nainggolan 6.5; Gervinho 6.5; Pjanic 6.5; Totti 6; Destro 5.5 (Florenzi 6). All. Garcia 6

ARBITRO RUSSO 5.5

LEGGI ANCHE

i video della festa scudetto della Juventus

Juventus campione d’Italia: gli scudetti sono 32, lo dice anche Blatter