Dopo lo scialbo derby di settimana scorsa e la discreta vittoria in Europa League ai danni del mediocre Dnipro, l’Inter del neo allenatore Mancini dovrà affrontare il primo, vero esame difficile: sfidare, allo stadio Olimpico di Roma, la formazione di Garcia. Un test decisamente probante per constatare la tenuta e il reale valore della nuova Inter targata Mancio, e un’ottima occasione che ha la Roma per dimostrare di essere veramente – come asserito da Garcia – la più forte di tutte.

ROMA Dopo il periodo di forte emergenza, la Roma torna ormai quasi al completo: rientrano dall’infortunio Yanga-Mbiwa e Maicon, che ha ripreso a pieno regime l’allenamento, ed essendo terminata la squalifica pure il capitano Totti si riprende la maglia da titolare. Pure la tenuta fisica di Florenzi, che ha subito una leggera botta alla coscia nel match contro il CSKA Mosca, non sembra preoccupare. Tra i pali De Sanctis, in difesa la linea a quattro con i centrali Astori e Manolas e i terzini Maicon e Holebas, in ballottaggio con Cole. Sulla solita mediana a tre lottano per una maglia da titolare Nainggolan, De Rossi e Keita (uno dei tre partirà dalla panchina), mentre è quasi certa la presenza di Pjanic. Il tridente d’attacco vede ovviamente capitan Totti come punta di diamante affiancato a sinistra da uno fra Florenzi e Iturbe e a destra da Gervinho.

INTER È da pochi giorni sulla panchina dell’Inter, ma Mancini perde già due delle pedine più importanti del suo scacchiere tattico: Hernanes, dagli esami effettuati non presenta lesioni muscolari ma nella gara di oggi non sarà comunque presente; e i difensori Nagatomo e Vidic. A questo punto è probabile che Mancini voglia dare una chance al vecchio pallini di Mazzarri: quel Campagnaro che dopo l’ottimo inizio stagione dello scorso anno è un po’ uscito dai radar. Davanti alla porta di Handanovic ci saranno quindi Ranocchia e Juan Jesus al centro, sulla sinistra Dodò e a destra un improbabile Campagnaro. A centrocampo Guarin, Medel e Kuzmanovic in ballottaggio con Obi, l’eroe del derby, e M’Vila. Coppia d’attacco composta da Palacio e Osvaldo, quest’ultimo preferito a Icardi, e alle spalle dei due argentini ci dovrebbe essere posto per Kovacic nel ruolo di rifinitore.

ROMA(4-3-3) De Sanctis; Maicon, Astori, Manolas, Holebas; Nainggolan, De Rossi, Pjanic; Florenzi, Totti, Gervinho. All. Garcia

INTER (4-3-1-2)Handanovic; Dodò, Ranocchia, Juan Jesus, Campagnaro; Guarin, Medel, Kuzmanovic; Kovacic, Osvaldo, Palacio. All. Mancini