Il summit di lunedì 11 gennaio a Miami tra il dg della Roma Mauro Baldissoni e il presidente James Pallotta ha partorito una decisione di massima rilevanza visto che cambierà a brevissimo termine il presente e il futuro della Roma: l’allontanamento dell’attuale tecnico Rudi Garcia. Toccherà dunque al direttore sportivo Walter Sabatini comunicare al diretto interessato, sbarcato in mattinata a Trigoria dopo la cerimonia di premiazione del Pallone d’Oro a Zurigo, l’amara decisione.

L’incontro al centro sportivo della Roma, fatti salvi clamorosi colpi di scena dell’ultimo secondo, culminerà quindi con l’esonero del tecnico francese. Il suo successore pare sia stato già scelto, anche in seguito a un incontro decisivo avvenuto sempre nella giornata di lunedì 11 tra i vertici della società giallorossa e Luciano Spalletti, pronto ad assumere da subito la guida della Roma. Un ritorno che si paventava ormai da tempo e che nelle prossime ore, sempre a meno di smentite, dovrebbe concretizzarsi con l’ufficialità della notizia.

Mancherebbe solo l’assenso del presidente Pallotta che, avallando la decisione di sostituire Garcia con Spalletti (il quale aveva posto come condizione quella di non firmare un contratto da “traghettatore”, fino a giugno 2016), si assumerebbe la responsabilità di avviare un nuovo progetto legato al club giallorosso che escluderebbe così l’idea di ingaggiare Antonio Conte subito dopo gli Europei di Francia del 2016, in estate.