Alcuni studenti olandesi di Roma hanno donato 3200 euro al comune di Roma per restaurare la Barcaccia di Piazza di Spagna, la stessa che venne inopinatamente deturpata da tifosi del Feyenoord poche ore prima della sfida di Europa League contro la Roma di qualche settimana fa.

Si tratta di un gesto simbolico, ovviamente, visto che comunque i costi per la rimessa a posto sono molto superiori. Ma con quest’azione gli studenti olandesi, che frequentano il Celeanum Gymnasium, hanno voluto dare anche un bel segnale per cercare di sensibilizzare tutti quanti al rispetto per i beni archeologici e storici in senso lato, di cui Roma ne è ovviamente piena vista la sua storia millenaria.

A ritirare quest’assegno, proprio davanti al monumento del Bernini sotto la scalinata di Trinità dei Monti, è stato l’assessore alla scuola e allo sport di Roma Capitale, Paolo Masini, in compagnia di Claudio Parisi Presicce, sovrintendente dei Beni Culturali. Con loro anche Angela Mannaerts, presidente dell’associazione “Salviamo la Barcaccia”. I fondi raccolti finora, in totale, sono circa 25.000 euro: “Una grande dimostrazione di senso civico e amore per la nostra città – sono state le prime parole dell’assessore Masini rivolgendosi agli studenti – dalle vostre aule è uscita una grandissima lezione di civiltà anche nei confronti dei vostri concittadini, uno sparuto gruppo di delinquenti, che si sono comportati in quel modo”.

Il sovrintendente Claudio Parisi Presicce ha invece voluto sottolineare che “il danno patrimoniale è pari ad un cinquantesimo del valore della fontana, che è di 60 milioni, e quindi di un milione duecentomila euro. Il danno di immagine legato alla percezione della sicurezza dei visitatori è stato calcolato in 3/4 milioni di euro e lo si vedrà nei prossimi mesi”.