Roma contestata ieri a Trigoria a colpi di carote, recapitate dai tifosi davanti ai cancelli del centro Fulvio Bernardini di Trigoria con tanto di striscione eloquente “Buon appetito conigli”.

Un gesto a cui ha risposto il direttore sportivo giallorosso, Walter Sabatini. “La squadra è molto sensibile e consapevole del momento di grande difficoltà. Le carote, comunque, non rientrano nel nostro menù”.

Il dirigente è comunque fiducioso sul prosieguo della stagione: “Dobbiamo avere grande affidamento nei confronti della squadra e non farci prendere dalla depressione. Sapremo risollevarci”.

Le ultime tre partite hanno segnato una profonda crisi. Prima il pari a Bologna, poi le pesanti sconfitte contro Barcellona e Atalanta. “La Roma è in piedi e lotta. Sa benissimo cosa deve fare. La squadra è fatta di calciatori e uomini in gamba, totalmente presi dal percorso che stanno facendo”.

Il diesse è intervenuto alla cena natalizia organizzata da AIRC (Associazione Italiana Roma Club) e UTR (Unione tifosi Roma). “Chiedo scusa per le ultime prestazioni, ma siamo comunque a quattro punti dalla vetta ed in corsa perla qualifciazione agli ottavi di Champions League”.

“Ringrazio Airc e Utr per l’attaccamento che hanno dimostrato anche nei momenti difficili. Loro non hanno mollato, qualcun’altro, invece, sì”.

Sabatini ha avuto modo di parlare anche di calciomercato: “Benatia? Non arriverà. II Bayern Monaco non lo cede. Lui sta facendo mercato in vista di luglio, ma sa che a gennaio non si muoverà. E’ comunque una soddisfazione vedere dove è arrivato un calciatore in cui pochi credevano. Dicevano che fosse lento…”.