Seconda giornata parigina dedicata al primo turno del Roland Garros. L‘Italia è già decimata, anche se Errani e Giorgi, tra le altre, devono ancora scendere in campo.

TUTTI I RISULTATI ODIERNI

TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE

Esordio convincente per Fabio Fognini al Roland Garros in corso sulla terra rossa parigina. Il ligure, numero 14 del seeding, ha battuto agevolmente il qualificato tedesco Andreas Beck, suo avversario di primo turno anche un anno fa. Il mancino classe 1986, numero 125 al mondo, era sempre stato sconfitto dal ligure nei tre precedenti. Fabio si è imposto in tre set e ha sempre comandato gli scambi senza concedere praticamente nulla al rivale: 6-4, 6-4, 6-1 in un’ora e 40 minuti. Il prossimo avversario sarà il 26enne brasiliano Thomaz Bellucci, anche lui mancino e numero 108 mondiale. Due i precedenti, entrambi a favore dell’azzurro, che ha battuto il tennista sudamericano a Santiago del Cile nel 2011 e a Monaco poche settimane fa sempre sulla terra rossa.
Fognini si trova nella sezione di tabellone presidiata da Stan Wawrinka, terzo giocatore del mondo e del tabellone, ma lo svizzero, irriconoscibile, è stato clamorosamente eliminato da Guillermo Garcia-Lopez con il punteggio di 6-4, 5-7, 6-2, 6-0!

Nulla da fare, invece, per Paolo Lorenzi. Il senese, poco fortunato nel sorteggio, ha ceduto per 6-3, 7-5, 6-2 allo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 27 del seeding e 28 Atp che si era imposto anche nell’unico precedente. Lorenzi, che cercava la sua prima vittoria in un tabellone principale di uno Slam, nel secondo set ha sprecato un vantaggio di 5-3.

Martedì in campo gli ultimi tre italiani impegnati nel primo turno: Seppi, Bolelli ed Arnaboldi.
Domenica esordio amaro sia per Potito Starace che per Filippo Volandri. Il campano, dopo aver superato le qualificazioni, si è arreso a Dmitry Tursunov, classe 1982 e testa di serie numero 31: 6-1, 7-5, 6-2 lo score. Subito fuori anche Volandri. Il livornese è stato superato dallo statunitense Sam Querrey, classe 1987 e numero 64 del ranking, con il punteggio di 7-6 (3) 6-4 6-3.

Uno dei protagonisti più attesi alla vigilia di questo Roland Garros ha già salutato il torneo. Kei Nishikori, il fragile samurai che con una spettacolare stagione su terra battuta è diventato il primo Top 10 giapponese della storia del tennis, ha ceduto mestamente a Martin Klizan e alla propria schiena ancora dolorante col punteggio di 7-6(4), 6-1, 6-2. Solo la pioggia ha rallentato Novak Djokovic, nel primo dei sette incontri che lo aspettano se vorrà vincere l’ultimo Slam che manca alla sua bacheca. La sua gestione della pratica Joao Sousa, portoghese numero 42 del ranking, ha vissuto solo due momenti di vero intrattenimento: l’invito al raccattapalle che gli reggeva l’ombrello a sedersi con lui in panchina, durante un breve stop per pioggia; i tre giochi di vana ispirazione che, in conclusione di partita, hanno permesso a Sousa di alleggerire un punteggio che comunque recita un 6-1, 6-2, 6-4 piuttosto inequivocabile. Jeremy Chardy sarà il prossimo avversario di Nole al secondo turno. Le premesse non lasciano prevedere una contesa molto più equilibrata, considerando che il serbo ha vinto tutti gli otto precedenti senza mai cedere un set (i freddi e spietati numeri: 8-0, 19-0).

Con il migliorare del tempo nel tardo pomeriggio, l’esiliato Rafael Nadal ha distrutto il malcapitato Robby Ginepri con due 6-0 intervallati da un 6-3. Domenica sera gli organizzatori avevano causato un certo sconcerto, negando un debutto sul Philippe Chatrier al più grande dominatore del Roland Garros di tutti i tempi. Il primo giocatore del mondo e otto volte vincitore di questo torneo è stato infatti posizionato sul Suzanne Lenglen. Una decisione ai limiti dell’assurdo che potrebbe avere a che fare con la critica fatta da Rafa al nuovo manto rosso del Centrale parigino, definito troppo morbido. Al secondo turno troverà il vincente tra il giovane austriaco Dominic Thiem e il francese Paul-Henri Mathieu, che impegnò Nadal per oltre 4 ore sul Philippe Chatrier, nel lontano 2006.

RISULTATI (italiani):
Roland Garros
Grand Slam
Parigi, Francia
25 maggio – 8 giugno, 2014
€25.018.900 – terra rossa

SINGOLARE MASCHILE (italiani):
Primo turno
(32) Andreas Seppi (ITA) c. Santiago Giraldo (COL) – martedì 1° match sul Court 16 dalle ore 11
(q) Simone Bolelli (ITA) c. (q) Andrea Arnaboldi (ITA)- martedì 2° match sul Court 8 dalle ore 11
(14) Fabio Fognini (ITA) b. (q) Andreas Beck (GER) 64 64
(27) Roberto Bautista Agut (ESP) b. (q) Paolo Lorenzi (ITA) 63 75 62
(31) Dmitry Tursunov (RUS) b. (q) Potito Starace (ITA) 61 75 62
Sam Querrey (USA) b. Filippo Volandri (ITA) 76 (3) 64 63

Secondo turno
(14) Fabio Fognini (ITA) c. Thomaz Bellucci (BRA)

DONNE – Buona la prima per Flavia Pennetta. La brindisina (n. 13 Wta), dodicesima testa di serie, ha liquidato con un doppio 6-2, in poco meno di un’ora di gioco, l’austriaca Patricia Mayr-Achleitner (n.74 Wta). Un buon match quello giocato da Flavia, che ha messo a segno 8 ace in altrettanti turni di servizio. Per la 32enne Brindisina, che in carriera ha raggiunto in due occasioni gli ottavi nello Slam parigino (nel 2008 e nel 2010) la prossima avversaria sarà la svedese Joanna Larsson. Uno pari il bilancio dei precedenti.

Nulla da fare, invece, per Roberta Vinci e Karin Knapp. Era decisamente confortante il bilancio dei precedenti tra la Vinci, 17esima testa di serie, e la francese Pauline Parmentier (n. 145 Wta): le due si erano già affrontate in quattro occasioni e aveva sempre vinto la pugliese senza mai perdere un set. Questa volta invece le cose sono andate diversamente per la 31enne tarantina, chiamata a confermare gli ottavi (miglior risultato in carriera) raggiunti nella passata edizione, che ha ceduto per 36 63 62. Una prestazione deludente quella dell’azzurra, condizionata anche da un problema fisico. L’incontro è stato sospeso due volte per la pioggia. Al momento del secondo stop Roberta conduceva 6-3 3-1 e il match sembrava saldamente nelle sue mani: al rientro in campo un vero e proprio black out con un parziale di 11 giochi a 2 per la 28enne francese in tabellone grazie ad una wild card. Nel terzo set la pugliese ha anche chiesto l’intervento della fisioterapista che le ha fasciato la coscia sinistra dopo averle anche trattato la schiena.
La Knapp (n. 52 Wta) è stata invece battuta per 6-4, 6-0, in un’ora e 7 minuti, dalla tedesca Mona Barthel (n. 79 Wta): per l’altoatesina, reduce dalla semifinale raggiunta a Norimberga, si è trattato della terza sconfitta in altrettante sfide contro la tedesca.

Rinviato a martedì, invece, il match di Camila Giorgi. La 22enne di Macerata, reduce dai quarti di Strasburgo, che gioca lo Slam parigino solo per la terza volta (la seconda nel main draw), esordirà contro la serba Bojana Jovanovski (n. 39 Wta): le due non si sono mai affrontate. Sempre martedì toccherà anche a Sara Errani. La numero uno azzurra (n. 11 Wta), accreditata della decima testa di serie, è stata sorteggiata contro la statunitense Madison Keys (n. 44 Wta): tra le due non ci sono precedenti. La 27enne romagnola, inserita nello stesso ottavo della cinese Li Na, giocherà martedì. Sarita a Parigi vanta la finale del 2012, sconfitta dalla Sharapova, e la semifinale un anno fa, fermata da Serena Williams.

Domenica esordio amaro per Francesca Schiavone: la 33enne milanese, campionessa di questo torneo nel 2010 e finalista l’anno successivo, ha ceduto alla 21enne la croata Ajla Tomljanovic (n. 71 Wta), in due set: 6-3, 6-3. L’azzurra era partita bene salendo sul 3-1, poi la giovane rivale ha preso il sopravvento. Dopo aver ceduto il primo set subendo un parziale di 5 giochi a zero, Francesca ha annullato un paio di match point nel secondo, ma si è arresa al nono game con l’avversaria al servizio.

Un debutto più soft proprio non lo poteva desiderare Maria Sharapova in questo Roland Garros. La russa, campionessa 2012 (nonché semifinalista della passata edizione, fermata da Serena), si è aggiudicata per 6-1, 6-2, in poco più di un’ora di gioco, la sfida con la connazionale Ksenia Pervak (n. 156 Wta).  Al prossimo turno la Sharapova, numero 8 Wta e settima testa di serie, troverà ad attenderla la bulgara Tsvetana Pironkova (n. 42 Wta), mai oltre il secondo turno sulla terra francese.

Avanzano senza problemi anche la slovacca Dominika Cibulkova, nona testa di serie (7-5, 6-0 alla francese Razzano), e la canadese Eugenie Bouchard, fresca vincitrice del Wta di Norimberga e numero 18 del tabellone (6-0, 6-2 all’israeliana Peer).

RISULTATI (italiane):
“Roland Garros”
Grand Slam
Parigi, Francia
25 maggio – 8 giugno, 2014
€25.018.900 – terra rossa

SINGOLARE FEMMINILE
Primo turno
Pauline Parmentier (FRA) b. (17) Roberta Vinci (ITA) 36 63 62
Mona Barthel (GER) b. Karin Knapp (ITA) 64 60
Ajla Tomljanovic (CRO) b. Francesca Schiavone (ITA) 63 63
(12) Flavia Pennetta (ITA) b. Patricia Mayr-Achleitner (AUT) 62 62
Camila Giorgi (ITA) c. Bojana Jovanovski (SRB) – martedì 1° match sul Court 4 dalle ore 11
(10) Sara Errani (ITA) c. Madison Keys (USA) – martedì 4° match sul Suzanne Lenglen dalle ore 11

Secondo turno
(12) Flavia Pennetta (ITA) c. Joanna Larsson (SWE)