Rogerio Ceni lascia il calcio. Il portiere brasiliano, icona del San Paolo smette a 42 anni, dopo 1237 gare ufficiali e ben 131 gol all’attivo: il numero 1 più prolifico di sempre.

Ceni scenderà per l’ultima volta in campo l’11 dicembre, giorno della partita d’addio. Nel frattempo sta studiando da allenatore e non per niente ha reso visita a due top coach: Pep Guardiola e José Mourinho.

Rogerio Ceni ha difeso la porta del San Paolo per ben 25 anni. Cinque lustri in cui uno dei portieri più conosciuti della storia del calcio ha conquistato complessivamente la bellezza di 26 titoli (tra questi brillano 3 campionati brasiliani, 3 paulisti, 2 Libertadores, 2 Intercontinentali e un Mondiale per club).

Avrebbe probabilmente meritato miglior sorte con la nazionale brasiliana, maglia che ha indossato sedici volte. Con i verdeoro, però, l’ormai ex 1 del San Paolo ha conquistato il titolo mondiale del 2002, seppur come terzo, alle spalledi Marcos e Dida.

Il portiere deve la sua fama mondiale ai suoi numerosi gol, realizzati con rigori o calci di punizione che non lasciavano quasi mai scampo ai colleghi. Un destro allenato prima e dopo ogni seduta con sessioni di tiro da fermo.

Dei 131 gol all’attivo, Ceni ne ha messi a segno 61 da calcio di punizione, 69 su rigore, e uno su azione. Stracciati gli avversari di questa speciale classifica: Chilavert ha messo a segno “solo” 67 gol, Johnny Vegas ha messo insieme 42 marcature, Higuita 41 e Campos 40.

Ceni può vantarsi anche di un altro record: è la bandiera, più bandiera di tutti. Sì, perché è il calciatore al mondo ad aver realizzato più presenze in un singolo club