LILLEHAMMER (Norvegia) - L’aria olimpica, i consigli dell’amico Zoeggeler, i consistenti miglioramenti in fase di spinta, oltre, ovviamente, alla sua classe: Dominik Fischnaller, 20enne, Carabiniere di Rio Pusteria, già sul podio la scorsa stagione in Coppa del Mondo, è subito esploso in tutto il suo talento nella prima gara dell’annata 2013-2014, disputata, dopo 4 anni di assenza, sul budello che ospitò i Giochi Olimpici del 1994 e i Mondiali del 1995 (Zoeggeler fu oro), ovvero il Lillehammer Olympiske Bob- og Akebane, costruito nel 1992. Fischnaller ha dominato la prima “run” e si è poi ripetuto nella 2a, la manche conclusiva, realizzando un tempo pressochè identico alla prima discesa che gli ha permesso di incrementare ulteriormente il suo divario nei confronti dei più blasonati rivali tedeschi. Domink è stato particolarmente bravo nel tratto centrale, soprattutto tra le curve 10 e 14, dove di fatto si decideva la gara, ma ha palesato anche miglioramenti in fase di spinta. Ottimo quarto Armin Zoeggeler, pure lui penalizzato da tempi di spinta molto elevati, ma veloce sul ghiaccio. Note interessanti anche per i materiali italiani, evidentemente non così lenti come si poteva pensare.

La pista di Lillehammer continua a portare bene ai colori azzurri. Col successo odierno, salgono a quota 4 le vittorie italiane in terra norvegese, dopo le 3 ottenute da Armin. Oltre a Fischnaller e a Zoeggeler, la squadra azzurra schierava al via altri tre atleti. Emanuel Rieder dopo una discreta prima discesa è finito in diciannovesima posizione, David Mair ha chiuso al ventiduesimo posto mentre Kevin Fischnaller non ha concluso la prima run. Il prossimo appuntamento con la Coppa del Mondo di slittino si terrà tra sette giorni sulla pista di Igls.

Dominik Fischnaller: “E’ andata molto bene, sono state due manches perfette – racconta il carabiniere di Rio di Pusteria - Conosco questa pista perchè abbiamo al possibilità di venire qui ad allenarci in autunno, per cui sapevo perfettamente come comportarmi e quali materiali utilizzare. Credo sia ancora presto per definirmi un campione, sono solo all’inizio della mia carriera, vediamo come andrà la stagione e dopo tireremo le somme. I consigli di Zoeggeler si sono rivelati fondamentali anche in questa occasione, è stato il primo a complimentarsi dopo il traguardo“.

Per i risultati completi della gara qui, selezionare World Cup Men dal meù a tendina!

————————————————————————————————————————-

A Levi, invece, nella Lapponia finlandese, e parliamo di sci alpino, è andato in scena il 1° slalom di Coppa del Mondo maschile, dopo quello femminile disputato ieri e dopo il gigante di Soelden dominato da Ligety. Ovviamente, ha vinto l’iridato in carica nonché vincitore dell’ultima Coppa del Mondo generale e di specialità, l’austriaco Marcel Hirscher, che sta inanellando numeri impressionanti nelle ultime due stagioni e… due gare: 22 podi nelle ultime 23 prove tecniche, compresi City Event e Mondiali di Schladming. Dieci podi consecutivi in Coppa del Mondo in slalom, come Alberto Tomba e a due di distanza da Ingemar Stenmark. Undicesima vittoria tra le porte strette in Coppa come Giorgio Rocca e ottavo posto assoluto nella classifica all-time. Diciannovesimo successo complessivo in Coppa del Mondo. Inoltre, con la vittoria odierna (miglior tempo in entrambe le manche), Marcel ha regalato alla sua Nazione il successo n.100 in Coppa del Mondo in slalom. Secondo Mario Matt, terzo il nuovo fenomeno norvegese, Henrik Kristoffersen, 19 anni, il cui miglior risultato era l’undicesimo posto proprio a Levi di un anno fa, ma d’argento ai Mondiali jr. 2012 a Roccaraso.

L'austriaco in azione

Marcel Hirscher, 1° anche a Levi

Primo piazzamento nei dieci stagionale donne comprese per l’Italia, lo ha conquistato Patrick Thaler, sesto dopo il quinto posto della frazione mattutina (e di un anno fa): con qualche pasticcio in meno sul muro centrale il veterano altoatesino poteva essere forse un paio di gradini più su. Altri due azzurri al traguardo: sedicesimo uno Stefano Gross irriconoscibile rispetto a quello di due anni fa e ventunesimo un Giuliano Razzoli ancora un po’ imballato soprattutto nei tratti filanti, purtroppo è uscito sul raccordo tra muro centrale e piano finale Manfred Moelgg. Anche la Coppa del Mondo maschile si trasferisce ora in Nordamerica: il 30 novembre e il 1° dicembre ci saranno discesa e superG sulle nevi canadesi di Lake Louise.

Qui per tutti i risultati e le classifiche!