Il tennis apre a Rio 2016 come mai ci si sarebbe aspettato: fuori Novak Djokovic, sconfitto da Juan Martin Del Potro.

KO AL TIE-BREAK

Termina subito il sogno olimpico del numero 1 al mondo, che ha ceduto all’argentino sempre al tie-break per 7-4 e 7-2 in una partita durata due ore e 29 minuti. A fine incontro l’abbraccio tra gli sfidanti con Nole che al momento di lasciare il campo ha sfogato le emozioni in un pianto liberatorio, dimostrando quanto ci tenesse a ben figurare nella rassegna olimpica.

SFUMA IL CAREER GRANDE SLAM

“Naturalmente questo è una sconfitta molto dura per me, forse la più dura della mia carriera – il commento di Djokovic al termine del match -. Sicuramente non è stata la mia ultima sconfitta, e non sarò neanche l’ultimo tennista e sportivo che ha perso ai Giochi Olimpici, ma adesso dopo il match… fa tremendamente male. Fa male perché molte persone contavano su di me. Mi scuso con loro per averle deluse. Questo è lo sport, andiamo avanti”. Il 29enne di Belgrado perde probabilmente l’ultimo treno per vincere la medaglia d’oro olimpica e completare così il Career Grande Slam

ESCONO RADWANSKA E VENUS WILLIAMS

La giornata di apertura del torneo femminile ha a sua volta regalato sorprese: estromesse Agnieszka Radwanska e Venus Williams, rispettivamente numero 5 e 6 del ranking mondiale. A sgambettare la 27enne di Cracovia la cinese Saisai Zheng, 22 anni e numero 64 Wta, impostasi per 6-4 7-5, mentre la sorella maggiore di Serena si inchina per 4-6 6-3 7-6 (5) dinnanzi alla belga Kirsten Flipkens, numero 62 Wta. Accedono alla fase successiva Madison Keys (doppio 6-3 alla montenegrina Danka Kovinic) e la spagnola Carla Suarez Navarro, costretta a ricorrere al terzo set per avere ragione della serba Anna Ivanovic (2-6 6-1 6-2).