Un caso infinito ancora senza via d’uscita. Per capire se potrà partecipare all’Olimpiade di Rio, Alex Schwazer dovrà aspettare ancora un po’. Dopo la sospensione per il caso doping, il processo al marciatore altoatesino davanti al Tribunale arbitrale dello Sport (TAS), si terrà l’8 agosto a Rio de Janeiro. Sarà ascoltato dall’organo di giustizia sportiva insieme al suo allenatore Sandro Donati, e ai legali Gerhard Brandsaaetter e Thomas Tiefenbrunner.

FUTURO

La data indicata è stata concordata anche dalla Federazione mondiale di atletica leggera che in precedenza aveva più volte posticipato la data dell’inizio dell’appello davanti alla Corte del Tas. La partecipazione ai Giochi di Rio De Janeiro, sulla distanza della 50 km di marcia di Alex Schwazer, è tutt’oggi da considerarsi sub judice. L’atleta altoatesino partirà il 3 agosto alla volta del Brasile. Schazer è stata campione olimpico nel 2008 a Pechino e a Rio avrebbe probabilmente partecipato anche alla 20km, cosa ancora possibile: ma la gara sarà disputata solo due giorni dopo l’udienza al TAS…