Vigilia di Real Madrid-Napoli, attesissima andata degli ottavi di Champions League. Pochi minuti fa ha parlato l’allenatore dei Blancos, Zinedine Zidane. Il francese ha dichiarato di temere la forza offensiva del Napoli.

“I giocatori piccoli non mi piacciono perché sono molto imprevedibili ed il Napoli ne ha tre lì davanti che ci faranno soffrire. Anche noi abbiamo i nostri mezzi e cercheremo di sfruttarli. Sappiamo come colpire e speriamo di farlo. Prevedo una bella partita perché vedere la squadra di Sarri giocare è un piacere”.

Le parole di Zidane trasudano dunque grande rispetto per la formazione partenopea. “Il calcio italiano si sta avvicinando agli standard europei. Lì sta nascendo una generazione di giovani calciatori molto interessante. In Italia sono arrivato giovane ed ho appreso tanto, ora che sono qui sto continuando a farlo. La Juventus è come il Real, non puoi nasconderti, non puoi mollare mai. Devi sempre metterci la faccia”.

Quanto alla formazione, il tecnico madridista non si è sbilanciato sull’opportunità o meno di schierare la difesa a 3. Sarà della partita Cristiano Ronaldo, uscito malconcio dalla gara con l’Osasuna e reduce dall’allenamento differenziato di ieri, non Bale, che non è stato nemmeno convocato.

Intanto, il Napoli è arrivato a Madrid dopo essere partito nel primo pomeriggio dall’aeroporto di Capodichino. La squadra è stata salutata al momento della partenza da centinaia di tifosi, molti dei quali saranno tra i 10mila supporters azzurri presenti al Bernabeu. Curiosità: insieme allas quadra hanno viaggiato l’attore Silvio Orlando, Walter Veltroni (magari a caccia di un endorsement per la candidatura a presidente della Lega) ed il regista Paolo Sorrentino.