Il 3-0 all’Athletic Bilbao l’ha spedito in paradiso, per poco tuttavia. Colpa di un turn-over massiccio, il Sassuolo non è riuscito a tenere il passo del Genk. Ferme tutte a 3 punti, l’Allianz Stadion potrà dire molto sulle reali ambizioni europee dei neroverdi.

SENSI E IMMELLO TRASCINATORI

“Ho visto grandi manovre per un’ora, poi siamo andati di cuore. I ragazzi hanno dato una grande risposta. Ieri l’ha fatto anche la Juventus, nella difficoltà ha saputo soffrire, noi siamo più piccoli ma per diventare grandi bisogna passare da questo aspetto”. Parola di Di Francesco dopo il successo in rimonta contro il Crotone. “Oggi abbiamo fatto una buona partita – spiega a Sky Sport – anche se abbiamo subito tre tiri rischiando di prendere tre gol. Bisogna lavorarci sopra. Però bisogna dire che siamo riusciti a guadagnare 15 angoli, poi abbiamo calciato molte volte in porta. I ragazzi non meritavano di perdere. Timore di non riuscire nella rimonta? Sicuramente sì perché quando sbagli così tante occasioni non è facile. Nel finale siamo stati ripagati per quello che avevamo prodotto precedentemente”.

I PRECEDENTI

Decisivi i subentrati: “Sensi l’ho proposto mezz’ala perché è bravo tecnicamente. Iemmello invece l’ho inserito da esterno anche se è una prima punta. Sono stato ripagato, ma sapevo che questi ragazzi mi potavano dare tanto. Defrel? Stava per segnare il gol dell’anno, peccato per la traversa”. Nuovi al palcoscenico continentale, gli emiliani disputeranno la prima gara contro il Rapid Vienna. In 19 precedenti contro squadre di Serie A, il Rapid ha un bilancio di 2 vittorie, 3 pareggi e 14 sconfitte. La formazione austriaca inoltre, ha perso le ultime cinque partite contro le italiane. L’ultimo risultato utile risale a 20 anni fa, un 1-1 casalingo contro la Juventus nella fase a gironi di UEFA Champions League. Al vantaggio bianconero siglato da Vieri rispose Lesiak.