Weekend con pronostici di Serie A che si va a incastrare in mezzo a due settimane fitte di impegni europei, motivo per il quale la 25.a giornata sarà spalmata lungo tre giorni, dall’anticipo di questa sera tra Bologna e Roma al Monday Night con Parma-Fiorentina e Napoli-Genoa. In mezzo, riflettori puntati sullo Juventus Stadium, dove domenica alle 18.30 andrà in scena il derby della Mole più equilibrato, almeno sulla carta, degli ultimi due decenni abbondanti. Attenzione: turno di campionato pieno di serie interessanti che potrebbero interrompersi. Ecco il nostro consiglio per il multiplo:

Inter-Cagliari 1: quota 1,40

Da un lato, un’Inter rinata dopo il bel successo di Firenze e nuovamente a caccia di un posto in Europa League; dall’altro, un Cagliari che, dalla Befana in avanti, ha raccolto solo 4 punti in 7 gare, con ben 5 sconfitte, e che al momento sembra pensare più al suo nebuloso futuro senza Cellino, sempre che ce ne sia uno. Indizi schiaccianti per un probabilissimo segno 1

Sampdoria-Milan goal: quota 1,78

Eccezion fatta per il derby, negli ultimi 3 mesi il Milan è sempre riuscito a segnare almeno un gol. Di converso, ha mantenuto la porta inviolata in una sola delle 12 trasferte affrontate fin qui, ovvero quella contro il Chievo. La Samp, da parte sua, da quando c’è Mihajlovic, non ha mai perso a Marassi ed è sempre riuscita ad andare in gol, ma dovrà fare a meno di due difensori titolari, Gastaldello e De Silvestri, mentre Seedorf non avrà Balotelli. Partita prevedibilmente equilibrata e a basso punteggio, il segno goal ci sembra quello più probabile

Udinese-Atalanta X: quota 3,40

Inauguriamo un terzetto di giocate hardcore flaggando l’X del match del Friuli. Unico motivo: l’Udinese ha vinto o perso 10 delle 11 partite casalinghe fin qui disputate; l’Atalanta ha vinto o perso 11 delle 12 trasferte fin qui affrontate. Allargando il raggio: sia Udinese che Atalanta hanno pareggiato soltanto 3 volte ciascuno in 24 giornate. In altre parole: si fronteggiano due squadre nemiche giurate del segno X. Ovvero, quel segno decisamente ben pagato che, peraltro, si addice perfettamente alla loro posizione di classifica, ovvero quella di squadre al sicuro ma non troppo

Juventus-Torino goal: quota 2,10

Da quanto tempo non si giocava un derby della Mole di cotanto livello? Probabilmente bisogna risalire alla stagione 1991-92, con Juve e Toro che chiusero il torneo rispettivamente al secondo e al terzo posto, seppur a grande distanza dall’imbattuto Milan di Capello. Colpa del Torino, incappato in una lunghissima decadenza da cui sembra essere fuggito solo quest’anno. Serve meno strada, invece, per risalire all’ultimo derby chiuso con il segno goal: 12 anni fa esatti, 24 febbraio 2002, Juventus-Torino 2-2 con gol allo scadere di Enzo Maresca ed esultanza a mo’ di toro in corsa che fece imbufalire i granata. Da allora, 9 stracittadine consecutive in cui si è registrato il segno no goal: colpa del Toro anche in questo caso, visto che, dopo quello di Benoit Cauet nel già citato 2-2 del 2002, non è stato più in grado di segnare un gol ai cugini. E allora, statistiche alla mano, andiamo con un segno goal, peraltro molto ben pagato

Parma-Fiorentina X2: quota 1,49

Ammettiamolo, più che una giocata hardcore è una giocata-gufata. Il Parma del bravissimo Donadoni è tra le squadre più organizzate e regolari del campionato e dopo la sosta ha inanellato 5 vittorie e un pari in 6 gare (con la trasferta dell’Olimpico contro la Roma da recuperare). Non perde una gara dal 2 novembre, 0-1 casalingo contro la Juve, incassa pochissimi gol (eccezion fatta per il funambolico 3-3 contro l’Inter, Paletta e compagni hanno concesso agli avversari ma miseria di 4 reti negli ultimi 3 mesi) e ha preso ha segnare a raffica (13 gol nelle ultime 6). Tutti validi motivi per puntare forte sui gialloblu? Certo, ma se c’è una squadra in grado di interrompere una serie positiva che perdura da ben 12 gare, questa è la Fiorentina di Montella. Il 2 viola ci pare eccessivo, meglio la doppia chance

Un multiplo a 5 eventi che paga ben 28 volte l’importo scommesso

LEGGI ANCHE:

Osvaldo, inserimento procede bene

Mourinho chiama Javier Zanetti al Chelsea

Diego Maradona torna a giocare