Giorno della verità per le nazionali che ancora non hanno prenotato il biglietto per i prossimi Mondiali di Brasile 2014. Questa sera si giocheranno le gare di ritorno dei playoff di qualificazione: alcuni spareggi sono di fatto già segnati (vedi Egitto-Ghana o Romania-Grecia), altri sono in totale equilibrio, e infine c’è Francia-Ucraina, coi francesi che, dopo il sorprendente 0-2 dell’andata, sono chiamati a un’impresa quasi eroica. Scommesse per bambini coraggiosi. Come noi!

Egitto-Ghana over 2,5: quota 1,92

Attenzione all’ora di questo match previsto per le 17.00 italiane. Il risultato della gara di andata, 6-1 per il Ghana, lascia poco spazio all’immaginazione, almeno per ciò che riguarda il nome di chi andrà in Brasile e di resterà a casa sua a leccarsi le ferite: a meno di un suicidio senza precedenti, a far festa saranno i ghanesi. I Faraoni, d’altra parte, proveranno a regalare almeno una gioia parziale alla loro gente, schiacciata da problemi di ben altra natura. Un over 2,5 ci sembra la giocata più adatta

Algeria-Burkina Faso under 2,5: quota 1,60

Alta tensione per il match di ritorno tra Algeria e Burkina Faso. Gli ospiti sono arrivati a questi playoff da grande sorpresa e hanno continuato a prolungare il loro sogno, stendendo i più esperti algerini per 3-2 davanti al pubblico amico. Belfodil e compagni hanno tutte le possibilità di completare la rimonta, ma dovranno fare i conti con una pressione ambientale da panico – tanto per dire, la caccia agli ultimi biglietti rimasti ha prodotto risse generali e una cinquantina di persone sono finite all’ospedale. Prevediamo un match tirato, con pochi gol, ma pesanti

Romania-Grecia under 2,5: quota 1,55

Per quanto possa essere fastidiosa l’idea all’amante del buon calcio, la Grecia rischia di presenziare anche a questa rassegna iridata. Una delle nazionali più spigolose del calcio moderno, eppure così tremendamente efficace in relazione al talento messo sul tavolo, è a un passo dalla qualificazione, dopo il 3-1 rifilato ai romeni nella gara di andata. Risultato rimediabile, per la squadra di Piturca, almeno in linea teorica; l’esperienza e l’intuito, invece, ci fanno propendere per un match estremamente chiuso, equilibrato e povero di gol. Non diamo per spacciata la Romania, ma più di due gol in tutto proprio non ce li vediamo

Croazia-Islanda 1: quota 1,30

Mea culpa, mea grandissima culpa. Avevamo guardato con troppa sufficienza la piccola Islanda al cospetto della grande (calcisticamente) Croazia, e invece la nazionale di Lagerback ha costretto i croati allo 0-0, resistendo in inferiorità numerica per quasi tutta la ripresa. Dopo esserci cosparsi il capo di cenere, tuttavia, non possiamo che piegarci ancora una volta all’ineluttabile potere della logica: la Croazia vince e se ne va ai Mondiali, l’Islanda festeggerà ugualmente la splendida figura rimediata in queste qualificazioni e tutti vissero felici e contenti

Svezia-Portogallo under 2,5: quota 1,65

La prima manche se l’è aggiudicata Cristiano Ronaldo: non una partita memorabile, per l’asso portoghese, che tuttavia ha il non trascurabile merito di riuscire a diventare decisivo anche senza strabiliare, in virtù di un killer instinct da prima punta che difficilmente si riscontra in calciatori così talentuosi. Lo stesso non si può dire di Ibra, giocatore totale che tuttavia, da bravo accentratore, fatica a trasformare in oro quello che gli consegnano i suoi compagni nelle sue rare giornate di luna storta. E, siccome la Svezia è Zlatan, per far fuori il solidissimo Portogallo servirà una prestazione da urlo dell’Ibradiddio: roba tutt’altro che impossibile, ma sinceramente ci convince di più un’altra partita chiusa, con poco spettacolo e pochi gol

Francia-Ucraina 1 con handicap: quota 2,05

Se i francesi fossero italiani, ci accuserebbero di avergliela tirata, dopo il nostro prono di qualche giorno fa in cui avevamo rievocato gli spettri della clamorosa eliminazione pre-Usa 94. Siccome, per fortuna di entrambi, i francesi sono francesi, da bravi francesi proveranno semplicemente a ribaltare il tragico 0-2 rimediato in terra d’Ucraina. Impresa tutt’altro che semplice, ovviamente, visto che un solo golletto degli ospiti farebbe sprofondare Ribery e compagni all’inferno o giù di lì, ma comunque alla portata di una nazionale, e di una federazione, che già in passato (vedi il clamoroso playoff contro l’Irlanda di 4 anni fa) ha dimostrato di essere forte anche oltre i propri meriti. Noi siamo per la qualificazione dei cugini; se poi ci sbagliamo, be’, avremmo almeno un motivo per essere contenti comunque. Da bravi italiani

Multiplo aggressivo, con un moltiplicatore pari a circa 22. Stay with us!