Inizia oggi la tre giorni di coppe che deciderà quali squadre si giocheranno le finali per i due troni d’Europa, e noi ci saremo con i nostri pronostici Champions League ed Europa League. Questa sera, all’Allianz Arena, il Bayern Monaco di Pep Guardiola proverà a ribaltare il pesantissimo 3-0 rimediato al Camp Nou: un po’ quello che ha fatto ai quarti di finale, quando al ritorno sotterrò il Porto sotto sei reti, dopo aver perso 3-1 all’andata; peccato che stavolta i bavaresi si trovino di fronte non l’ottima squadra di Lopetegui, ma la banda di turbonani più letale della storia del gioco, armata di un tridente arrugginito in grado non solo di squartarti, ma anche di farti venire il tetano. Domani sera, invece, sarà la volta della Juventus, attesa dall’ordalia del Bernabeu: è il momento di dimostrare che il preziosissimo, ma risicato, successo dell’andata non sia un fuoco di paglia, ma una promessa di rinnovata grandezza. Sullo sfondo, la sagoma di Berlino, sede della finalissima, che ai vari Buffon e Pirlo non potrà far venire alla mente squisiti ricordi. Ecco il nostro consiglio:

Pronostici Champions League

Bayern Monaco-Barcellona 1: quota 2,55

Probabilmente, nemmeno il più fiducioso dei tifosi bavaresi crede davvero che il Bayern possa compiere il miracolo contro la squadra attualmente migliore in Europa, anche perché non è mai successo nella storia della Champions League che qualcuno rimontasse da una sconfitta per 3-0 all’andata (c’è chi si è fatto rimontare da un 3-0 al 45′, ma è un’altra storia). Resta il fatto che la squadra di Guardiola è formata da svariati campioni del mondo, gonfi di classe e di orgoglio, e vorrà quantomeno provarci. Crediamo che alla fine possa arrivare un successo di pura voglia, anche per interrompere una serie di tre sconfitte consecutive in semifinale (0-1 e 0-4 contro il Real Madrid l’anno scorso, 0-3 contro il Barcellona all’andata).

Real Madrid-Juventus X: quota 4,00

Sì, okay, c’è anche una buona dose di speranza nazionalista in questa scelta, ma non ci giochiamo l’X solo per questo motivo. La realtà è che il Real Madrid è in difficoltà, ha un centrocampo a pezzi e, visto lo stato di forma di Bale e Benzema, tutto l’attacco attualmente si poggia sulle spalle di Cristiano Ronaldo, che sono sì amplissime ma non sterminate. Di contro, i bianconeri sprizzano salute da tutti i pori e già da diverse settimane hanno potuto concentrare energie fisiche e mentali sulle semifinali (a differenza dei blancos, impegnati in una dura volata finale nella Liga, peraltro destinata all’insuccesso). E poi c’è la statistica. In sette precedenti, la Juve non ha mai pareggiato al Bernabeu. Nessuna squadra italiana, nelle ultime 11 occasioni, è riuscita a pareggiare al Bernabeu. E il bilancio delle sfide di Champions League tra Real Madrid e Juve recita: otto vittorie a testa e un solo pareggio. E’ giusto provarci.