Il gol con cui Robin Van Persie ha chiuso i conti in Manchester United-WBA sarà probabilmente ricordato non solo per la sua importanza ai fini della classifica, ma anche per il vespaio che ha scatenato sui social network la maglietta (foto by InfoPhoto) mostrata dall’olandese subito dopo il gol, che recitava: “R.I.P Tchuna, we will never forget you” (Riposa in pace, Tchuna, non ti dimenticheremo mai).

Ma chi è Tchuna?

Su Twitter si è scatenata un’autentica battaglia a colpi di tweet. Secondo la corrente di pensiero prevalente, Tchuna sarebbe il nome della povera studentessa indiana massacrata a bordo di un autobus da una gang di sei stupratori e deceduta dopo quasi due settimane di agonia, e del quale non erano state ufficialmente rese note le generalità. Per altri, Tchuna sarebbe il nome del guardalinee selvaggiamente picchiato a morte da un gruppo di ragazzini olandesi. Per altri ancora, invece, Van Persie avrebbe dedicato il gol al nonno.

L’unica cosa (quasi) certa, al momento, è che la prima ipotesi è falsa: in realtà, il nome della sfortunata ragazza dovrebbe essere Nirbhaya.