Alle 18.00 italiane, all’Estadio Nacianal de Brasilia, il Portogallo (quarto nel ranking Fifa) sfiderà il Ghana (37esimo nel ranking Fifa) per la terza e ultima giornata del Gruppo G dei Mondiali 2014. In contemporanea si sfideranno Stati Uniti e Germania, l’altro match di questo girone.

Non esistono precedenti tra i portoghesi e i ghanesi.

Per provare a qualificarsi agli ottavi di finale Portogallo e Ghana dovranno vincere. Qualora ciò dovesse accadere dovrebbero sperare che il match tra gli Yankee e i tedeschi non finisca in parità. La paura lusitana e africana è quindi quella del famoso ‘biscotto’ tra teutonici e statunitensi che provocherebbe la loro eliminazione dal torneo. Una cosa simile accadde pure a noi. Era l’Europeo del 2004 quando Svezia e Danimarca pareggiarono 2-2 rendendo vana la nostra vittoria contro la Bulgaria ed estromettendoci dal torneo all’ultima giornata del girone. In questo Mondiale il Portogallo arriva da una pesantissima batosta 4-0 contro la Germania e dal successivo pareggio 2-2 strappato all’ultimo minuto agli USA. Dopo questa gara Cristiano Ronaldo ha sottolineato i limiti della sua nazionale e predicato umiltà. Le Black Stars, invece, arrivano dalla sconfitta 2-1 contro gli Stati Uniti e dal successivo prestigioso ed esaltante pareggio 2-2 contro i tedeschi.

Bento dovrebbe schierare il Portogallo con il 4-3-3. Manca l’indisponibile Fabio Coentrao. Cristiano Ronaldo, non al meglio, dovrebbe far parte di un terzetto d’attacco con Eder e Nani che contro gli Stati Uniti ha disputato un buon match trovando la rete e scatenando varie voci di calciomercato. Appiah dovrebbe rispondere con il 4-2-3-1. Assente lo squalificato Muntari (Milan), al suo posto è ballottaggio tutto italiano tra Essien (Milan) e Badu (Udinese). Favorito il milanista. Dirigerà la gara Shukralla (Bahrein).

Portogallo (4-3.3): Rui Patricio, Pereira, Bruno Alves, Pepe, Andrè Almeida, Moutinho, Veloso, Meireles, Nani, Eder, Cristiano Ronaldo. All Bento

Ghana (4-2-3-1): Dauda, Afful, Boye, Mensah, Asamoah, Essien, Rabiu, Astu, K. P. Boateng, A. Ayeu, Gyan Asamoah. All Appiah

LEGGI ANCHE

Mondiali 2014: giornalista assalito dalle cavallette durante Portogallo-Stati Uniti, il video

Italia-Uruguay commento: addio Mondiali, ora voglio la testa di Prandelli e dell’arbitro

[polldaddy poll="8113584"]