Fattore campo rispettato per la Dinamo Sassari, che stende Trento anche in gara-4 (84-80) e si guadagna così l’accesso alle semifinali dei playoff basket 2015, al termine di un match che la squadra di Sacchetti ha meritato di vincere ben al di là del punteggio finale. Grande protagonista tra le file del Banco di Sardegna David Logan, che coi suoi 27 punti e 31 di valutazione ha oscurato la performance del suo diretto rivale Tony Mitchell, MVP della regular season, fermatosi a 14 punti, tutti peraltro realizzati nel primo tempo, con solo 1/7 dall’arco e ben sei palle perse. In effetti, è stato nel primo periodo che la Dolomiti Energia ha dato il meglio di sé, limitando l’attacco sassarese, nonostante l’impatto di Devecchi schierato in quintetto, e trovando buone soluzioni offensive con Tony Mitchell, 8 punti nei primi 10′. Trento prova a scappare nel secondo periodo (22-30 con Owens), ma per fortuna dei padroni di casa la panchina di Sacchetti è profonda: escono Formenti ed Edgar Sosa, mattatore di gara-3, e sono proprio loro due ad accendere il PalaSerradimigni con un paio di triple in fila, quelle che aprono al parzialone sassarese. In meno di 4′ la Dinamo piazza un 14-2 che la proietta in testa. Pascolo e Mitchell provano a ricucire, ma dall’altra parte c’è un David Logan in formato Eurolega e il primo tempo si chiude sul 46-40.

All’inizio del terzo periodo la Dinamo prova a piazzare lo strappo decisivo. Dyson si iscrive finalmente al match, poi è una tripla dell’implacabile Logan a proiettare il Banco di Sardegna sul +9. Trento va in rottura prolungata, trovando solo un paio di giocate con Owens, ma Sassari non ne approfitta fino all’ultimo giro di orologio, quando una schiacciata di Sosa e un gioco da tre punti di Brooks la riportano sul +12. Mancano ancora 10′, un’eternità cestistica, e la squadra di Buscaglia ci prova, ma con un Tony Mitchell sterilizzato l’impresa è al limite del praticabile. E così è Sassari a piazzare la zampata del kappaò: due liberi di Logan, più un gioco da tre punti di Lawal, più un’altra tripla di Logan, per il +18 al 34′ che di fatto fa calare il sipario sulla sfida, nonostante gli sforzi di Pascolo nel finale riportino la Dolomiti Energia solo a un paio di possessi. Ma è troppo tardi, finisce qui la splendida avventura della matricola Trento.. Passa Sassari, con merito: venerdì inizia l’ennesima sfida con Milano, già incontrata l’anno scorso proprio in semifinale, oltre che battuta in Coppa Italia e Supercoppa. Sulle sette gare l’Olimpia sembra imbattibile, ma se c’è una squadra in grado di provarci questa è la Dinamo.