Andrea Pirlo ha firmato il rinnovo del contratto che lo legherà alla Juventus fino al 30 giugno 2016. A darne notizia è stata la stessa società bianconera con una nota apparsa sul proprio sito ufficiale. Era il 24 maggio 2011 quando venne annunciato il suo ingaggio e il regista si presentò ai propri tifosi con queste parole: “Non vedo l’ora di tornare a vincere con questi colori. Sono sicuro che sul campo ricambierò la bella sensazione avuta in questi giorni, con il massimo impegno e speriamo con delle belle vittorie”.

Ha mantenuto la parola, prendendo la squadra per mano e accompagnandola verso la storia. Lo ha fatto a suo modo, con la discrezione e l’umiltà del campione che si esprime in campo, tra un’occhiata ai compagni ed al pallone, un cenno tranquillo del capo e una magia. Trascinatore in mezzo al campo, devastante per gli avversari, con lui in cabina di regia sono arrivati tre scudetti consecutivi e due Supercoppe italiane.

Per 131 partite Andrea Pirlo è stato il fulcro del gioco, il punto nodale da cui ogni azione ha avuto origine, firmando sei capolavori balistici stagionali e 14 gol in totale. In tre anni ha indicato ai propri compagni la via del gol per ben 30 volte, toccando più di un pallone al minuto (11551 i palloni giocati, rispetto ai 11344 minuti in campo), con una percentuale di riuscita al passaggio che sfiora il 90%.

LEGGI ANCHE

Migliore nazionale di calcio italiana di sempre: ecco la top 11

Pirlo Juventus: “io e Verratti possiamo giocare insieme”

Calendario Juventus: caccia a scudetto e coppa, i campioni Buffon e Pirlo, il paradosso in attacco