Antefatto. E’ ormai famosissimo il morso rifilato da Luis Suarez a Giorgio Chiellini durante la sfida tra Italia e Uruguay valida per la terza giornata della fase a gruppi dei Mondiali 2014. Siamo ancora sullo 0-0 quando il difensore della Juventus e il neo attaccante del Barcellona vengono a contatto nell’area azzurra. Il Pistolero decide di rifilare una morsicata tra la spalla e il collo del collega. L’italiano si rivolge subito al direttore di gara, Marco Moreno Rodriguez, per mostrargli i segni di quanto accaduto che porta sul suo corpo, ma quest’ultimo non prende alcun provvedimento nel confronti del novello Dracula.

Ora, attenzione alla parole di Pavel Nedved (foto by Infophoto). Dopo le intriganti anticipazioni di ieri (in cui si tratta anche l’argomento dell’addio di Conte alla Vecchia Signora), quest’oggi, Denik Sport, ha pubblicato tutta l’intervista rilasciata dal ceco che afferma ‘Per certi versi Suarez lo capisco, ero un giocatore simile a lui, anche se certe cose non le approvo. Nonostante questo ero furioso per la reazione di Chiellini. Si è comportato come un bambino mostrando il morso all’arbitro’. 

Il dirigente bianconero non usa mezzi termini per dimostrare che proprio non ha gradito l’atteggiamento del difensore toscano che, sbollita la rabbia per quanto accaduto e per l’eliminazione della nostra nazionale, accetta le scuse del collega e lo perdona. Dichiara persino di sperare in una riduzione della squalifica rifilata all’attaccante uruguayno. Tale gesto è invece apprezzato da Pavel Nedved che afferma ‘Ha dimostrato la sua intelligenza parlando nei giorni successivi e chiedendo alla Fifa di accorciare la squalifica a Suarez’.

Quando Nedved parla non è mai banale e prosegue relativamente a Suarez ‘E’ un grande giocatore lo prenderei subito alla Juventus. Anzi lo stavamo per prendere due anni fa e io ero d’accordissimo: è un campione e basta’. E’ sincero pure in relazione all’eliminazione azzurra dai Mondiali ‘Non mi aspettavo che l’Italia uscisse così presto, anche se logicamente sono contento per la Juventus, perché così hanno potuto fare vacanze più lunghe e riposarsi…’

In relazione all’attuale calciomercato della Juventus afferma ‘Il vero mercato non è ancora iniziato. C’era il Mondiale e tutti aspettavano la fine. La nostra strategia è chiara: vogliamo tenere tutti i nostri migliori giocatori, si chiamino Vidal o Pogba. Non vogliamo vendere nessuno e in particolar modo Vidal. Certo, in caso di un’offerta particolarmente alta avremmo il dovere di pensarci, ma non vogliamo cedere i campioni. Vogliamo essere competitivi in Champions e le uniche cessioni erano giocatori che non facevano parte dei nostri piani’.

LEGGI ANCHE:

Notizie di calciomercato della Juventus