“È un sogno e un’ossessione, un po’ di tutto”. Dybala ammette apertamente che in cima alla lista dei desideri con la sua Juventus ci sia la Champions League, sfuggita sul più bello nell’ultima stagione.

Dybala: “Che duro colpo la sconfitta col Real, guardiamo però avanti”

La sconfitta al cospetto del Real Madrid brucia ancora nello spogliatoio bianconero. Anche per le fattezze: un 4-1 che probabilmente non troverà mai una spiegazione logica. Ma Paulo non si abbatte e pensa a condurre per mano i compagni verso il grande traguardo. Vogliamo raggiungere la finale a Kiev e chiudere in maniera diversa rispetto all’anno scorso”, spiega Paulo.

La 10? Un onore portarla

Attorno a lui ruota il nuovo progetto bianconero: prova ne è l’assegnazione della ‘sacra’ maglia: “La 10? Porto questa casacca con grande onore e piacere: un numero che hanno avuto giocatori fortissimi - chiosa la Joya in un’intervista rilasciata al Tg1 - Avere la possibilità di giocare con la loro maglia è una cosa bellissima”.

No ai vari flirt

Pettegolezzi circolano intanto sui suoi conti dopo la rottura con Antonella Cavalieri, sua storica compagna. Diversi flirt gli sono stati attribuiti, ma la Joya smentisce: “Mi sono lasciato questa estate quando sono tornato in Argentina. A tal proposito si sono scritte e dette tante cose non vere. Sono single e mi sono lasciato in buona pace. Sono stati tre anni bellissimi ma adesso è finita”.

L’amore per il calcio

Nel suo cuore c’è, al momento, solo posto per il calcio. Una storia iniziata così, d’istinto: “Ricordo che durante una partita di basket mi arrivò una palla un po’ bassa e io, anziché prenderla con le mani, l’ho passata a un compagno con un calcio - svela Dybala - In quel momento ho capito che la pallacanestro non era il mio sport. Ho fatto bene a scegliere il calcio”.