Chi acquisterà la società sportiva Parma FC S.p.a potrà usufruire del paracadute retrocesse. Lo ha confermato l’incontro avvenuto ieri fra Alberto Guiotto, curatore fallimentare del Parma, Demetrio Albertini, coauditore dei curatori e il dott. Brunelli, direttore della Lega calcio di serie A.

Secondo quanto emerso dal summit di ieri, la Lega ha confermato per intero la disponibilità del “paracadute retrocesse” per il futuro acquirente della società sportiva parmigiana che riesca a far fronte ai debiti e ottenga l’iscrizione alla serie B. Ma come funziona questo paracadute? Il Parma FC andrà all’asta a maggio ad un prezzo iniziale che potrebbe oscillare fra i 20 e i 6 milioni di euro, ma in caso di acquisto il compratore potrebbe subito ottenere il paracadute retrocesse il cui valore potrebbe aggirarsi intorno ai 10 milioni di euro. Durante l’incontro è stato fatto un esame congiunto sia della posizione debitoria del Parma Fc nei confronti della Lega, sia dell’efficacia delle cessioni di crediti effettuate in passato dagli amministratori della società.

Nel frattempo, il Tribunale di Parma ha dichiarato il fallimento della Eventi sportivi spa, società di proprietà di Giampietro Manenti, che deteneva il 90% del capitale sociale del Parma Fc, e ha nominato curatore fallimentare Vincenzo Piazza. Secondo la sentenza emessa dal tribunale, “lo stato di insolvenza appare conclamato ed irreversibile” con una “situazione debitoria complessiva, secondo le risultanze del bilancio al 30 giugno 2014, ultimo rendiconto disponibile, di euro 63.786.083, a fronte di un attivo di circa 12 milioni”.