Alfredo Binda, Fausto Coppi, Gino Bartali ed Eddy Mercx sono solo alcuni dei trionfatori al Giro d’Italia, prossimo a deliziare nuovamente gli appassionati sportivi. Partenza fissata per venerdì 6 maggio ad Apeldoorn (Olanda), la 99esima edizione del prestigioso evento terminerà, a fronte di 21 tappe e 3.883 chilometri percorsi, domenica 29 maggio a Torino. Annunciati i partecipanti, andiamo a scoprire chi gode dei favori del pronostico.

RIFLETTORI PUNTATI SU NIBALI – Candidato numero 1 alla vittoria finale è Vincenzo Nibali. Quotato 2.10, lo “Squalo dello Stretto” vanta numerose credenziali che vanno oltre al fattore campo. Leader della generale nel 2013, il suo palmares può contare su Tour e Vuelta. Senza ombra di dubbio uno fra i migliori ciclisti in circolazione e, privo dell’ingombrante presenza di Alberto Contador (attuale campione in carica), questa può essere l’occasione ideale per regalare un’ulteriore soddisfazione ai propri tifosi.

ATTENTI A QUEI DUE - A proposito di protagonisti dell’edizione passata saranno notevoli le aspettative che graviteranno attorno a Mikel Landa (5.00). Salito sul gradino più basso del podio, il ciclista vorrà stavolta coronare i sforzi profusi e bissare il successo spagnolo. Suo connazionale Alejandro Valverde (8.00) che festeggiati 36 anni compierà il debutto nella manifestazione. Raccolti due secondi posti alla Vuelta (2006, 2012), il 2015 lo ha visto concludere in terza posizione il Tour. Favorito da un’enorme esperienza e determinato a chiudere come meglio non si può la rispettiva carriera sarà certamente determinato nel mettere i bastoni fra le ruote alle nuove generazioni.

GLI OUTSIDER - Giunto durante il 2013 e 2014 subito dietro ai leader Nibali e Quintana, Rigoberto Urán (9.00) dovrà far dimenticare alla critica l’incolore 14° posto della scorsa rassegna. Brillante scalatore, chiude il magico quartetto dei grandi attesi. Possibili sorprese Fabian Cancellara, Rafal Majka, Esteban Chaves e il portacolori azzurro Domenico Pozzovivo (21.00).