Gianluigi Buffon, un nome, una garanzia, non soltanto in campo, come sportivo, come campione. Una carriera lunga vent’anni che ancora alla veneranda età di 37 primavere perdura costantemente ai massimi livelli. Un giocatore che non ha certo bisogno di premesse, prolusioni o presentazioni perché ha vinto tutto, in campo nazionale e internazionale. Nel suo ruolo, forse il miglior calciatore di tutti i tempi per livelli di performance e costanza di rendimento. Una persona che ha sempre dimostrato carisma, lealtà e grande lucidità in ogni suo intervento fuori dal rettangolo verde.

E anche nell’occasione della tanto chiacchierata esclusione dalla lista dei candidati alla vittoria finale del Pallone d’Oro, il prestigioso premio che la rivista France Football insieme alla Fifa attribuisce al miglior calciatore europeo, Buffon ha risposto da campione e da gran signore. Con invidiabile eleganza ha scritto di suo pugno una lettera di ringraziamento a quanti lo hanno sostenuto in questa vicenda, pubblicandola direttamente sul suo sito ufficiale. Una lettera colma di affetto per giornalisti, tifosi e sostenitori in cui Gigi smorza con sorrisi intelligenti ogni futile polemica.

La pubblichiamo integralmente qui di seguito.

Ciao a tutti.

Stamattina, in una giornata apparentemente come le altre, mi sono trovato il telefono subissato da ogni forma di sostegno e solidarietà da addetti ai lavori e non a causa della mia mancata nomination fra i 50 o 60 papabili vincitori per il pallone d’oro!! Sinceramente non ero al corrente del fatto che in questi giorni si stilasse la discussa lista, quindi m’ha colto di sorpresa questa fiumana di gente che mi s’è stretta intorno in maniera anche esagerata!! Ormai lo avrete capito, da anni sono un inguaribile ottimista e difficilmente sedimenta in me il sentimento del rancore, della frustrazione, ma soprattutto della rassegnazione. Di conseguenza sapete cosa mi porto a casa da questa vicenda? L’abbraccio spontaneo di tutti voi e dei media questa mattina, a commento della mia esclusione. Grazie, davvero mi ha scaldato il cuore ed è stato un atto di grande rispetto NON dovuto che quasi m’ha imbarazzato, ma che ho apprezzato per mille e più ragioni!! Una ha natura personale e consiste nella dimostrazione del fatto che non ho e non ho mai avuto santi in paradiso, ho preso per quel che ho dato, sono arrivato dove ho potuto, sulla base di una legge spesso bistrattata che è il merito!

Poi di ragioni ce ne sarebbero tante altre, ma su tutte mi piace pensare che mi volete bene come italiano tra gli italiani, oltre che come italiano nel mondo, e questo mi fa sentire ancora di più la bellezza di questa meravigliosa avventura che è la vita!!

Certo che, parlandovi in tutta sincerità, almeno quinto tra i migliori portieri della scorsa stagione pensavo di poterlo essere.. Evidentemente, dovevo essermi montato la testa.  ;)))

Grazie di cuore a tutti, davvero, e se mi son preso la briga di scrivere di mio pugno questa piccola sequenza di emozioni è solo perché m’avete fatto sentire rispettato ed il rispetto io non lo do mai per scontato. Un abbraccio!

Gigi