Il Palermo ha esonerato Roberto De Zerbi e chiamato in panchina Eugenio Corini. L’ex tecnico del Foggia, autore di brillanti stagioni rossonere a colpi di bel gioco, reti e 4-3-3 postzemaniano, è naufragato all’impatto con la serie A.

Fatale a De Zerbi, oltre che l’a dir poco deficitario score in campionato, l’eliminazione in Coppa Italia subita a domicilio dallo Spezia.

Ecco lo striminzito comunicato del club rosanero: “Valutata la situazione della prima squadra, la società si sente costretta al cambiamento della guida tecnica che viene affidata ad Eugenio Corini”.

Quello firmato De Zerbi è stato il peggiore Palermo della storia. Con la Lazio è arrivata la settima sconfitta in campionato, la settima consecutiva al Barbera, dove i n questo campionato Nestorovski e compagni non hanno totalizzato neanche un punto.

Esonero che, almeno stavolta, non può essere addebitato dalla luna storta di patron Zamparini, ma a risultati frutto di “uno spettacolo penoso” come ha affermato lo stess presidente in una intervista rilasciata a Repubblica.

Quella con lo Spezia è stata la sconfitta che ha fatto traboccare il vaso. “A De Zerbi avevo inviato un sms comunicandogli che non m’interessava della Fiorentina, ma volevo assolutamente una vittoria in coppa, pwerché sarebbe stata una svolta dal punto di vista psicologico, invece lo spettacolo è stato indecoroso”.

Poi l’accusa. “Nonostante gli avessi chiarito l’importanza che quella partita comportava, ha imbottito la squadra di riserve. Sono convinto che lo ha fatto apposta per farsi cacciare, chiederò la risoluzione per inadempienze gravi. Quello che ha fatto è stata una grave offesa verso Palermo ed il suo pubblico”.