A Torino è arrivato Osvaldo. L’italo-argentino è un attaccante centrale che può giocare anche seconda punta. E’ davvero forte, ha un fisico eccezionale che lo rende una vera e propria forza della  natura. Ha una grande tecnica e un destro molto potente, ma anche parecchio preciso. Ultimamente è riuscito a realizzare più di un gol con delle magnifiche conclusioni a giro che senza volere scomodare mostri sacri hanno ricordato le splendide reti di Alessandro Del Piero. Osvaldo, poi, ha buone capacità realizzative e affiancato a Tevez potrebbe davvero esprimersi al meglio. Conte sarà sicuramente in grado di gestire il carattere abbastanza spigoloso dell’italo-argentino. Questo è un gran colpo e come sostiene Marotta è stata sfruttata ‘un’opportunità

Tutto questo è vero, ma probabilmente la Juventus necessita più di ogni altra cosa di un attaccante esterno con le caratteristiche che permettano a Conte di poter giocare con il 4-3-3. I bianconeri hanno in rosa sei attaccanti (Tevez, Llorente, Osvaldo,  Mirko Vucinic, Giovinco e Quagliarella che oggi festeggia il compleanno), ma nessuno di essi possiede tali qualità. Quando Osvaldo vestiva la maglia del Lecce, il suo allenatore Zeman ha provato a schierarlo attaccante esterno e i risultati non sono stati negativi, ma certamente il giocatore si esprime meglio in altre posizioni. In attesa della crescita di Berardi, giocatore classe 1994 del quale i campioni d’Italia detengono la comproprietà con il Sassuolo, i bianconeri hanno bisogno di un esterno offensivo. L’Europa League è alle porte e si è notato come in ambito internazionale, i campioni d’Italia con il 3-5-2 abbiano manifestato qualche difficoltà. Inoltre un esterno d’attacco potrebbe dare la possibilità al tecnico salentino di usufruire di nuove e imprevedibili soluzioni. È vero, che almeno in campionato, i risultati sono stati ottimi anche con questo modulo e che la squadra di Conte è risultata praticamente imbattibile pure così, ma stupire con nuove idee e schemi diversi potrebbe risultare molto importante. I nomi degli esterni d’attacco sono tanti e tutti interessanti: Cuadrado, Menez e Nani ne rappresentano alcuni esempi. Ormai per questa sessione di calciomercato tali trattative appaiono davvero difficili, ma se non vi saranno stravolgimenti della situazione, potrebbero diventare importanti per l’estate.