C’è anche Zlatan Ibrahimovic tra i 35 atleti convocati dalla Svezia per disputate il torneo di calcio dell’Olimpiade di Rio 2016. L’attaccante, ex Juventus, Inter, Milan e in ultimo anche Paris Saint-Germain, è stato inserito dal commissario tecnico della nazionale scandinava, Hakan Ericson, nel listone di giocatori allertati per il torneo a cinque cerchi. Dei 35 già citati, alla fine ne rimarranno solo 22.

Ibrahimovic alle Olimpiadi, ecco come

La chiamata di Ibrahimovic ha lasciato molti di stucco, anche perché l’attaccante svedese sta disputando l’Europeo con la nazionale maggiore e l’essere coinvolto anche nella competizione olimpica vorrebbe dire, per lui, non riposarsi mai e giocare a calcio a circuito continuo. E’ anche vero che la nazionale svedese ha di recente vinto l’Europeo Under 21: e vedere al via delle Olimpiadi di Rio 2016 la squadra scandinava con l’aggiunga del fuoriquota Zlatan Ibrahimovic sarebbe sicuramente interessante.

Inizialmente abbiamo pensato che chi prendeva parte agli Europei non potesse fare anche l’Olimpiade – ha spiegato il ct Hakan Ericsonma ne ho parlato con Zlatan e lui prenderà una decisione solo dopo l’Europeo. Terremo aperta una porta fino all’ultimo. Sarebbe fantastico avere Zlatan con noi”.

La situazione attuale

Al momento l’unica cosa certa è che non c’è certezza su quello che sarà il futuro di Zlatan Ibrahimovic; perché, oltre alla componente olimpiadi, ovviamente sulla testa del centravanti pende ancora la decisione riguardante il dove giocherà nella prossima stagione: conclusa la sua esperienza con il Paris Saint-Germain, per lui pare si sia aperta la porta del Manchester United; ma in questo caso il manager José Mourinho difficilmente manderebbe giù l’idea di perderlo per il primo mese di Premier League. Discorso analogo anche per il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti, mentre tutte queste problematiche potrebbero non sussistere se Ibrahimovic andasse a giocare in un altro continente.