Ricevere complimenti fa sempre piacere, e questo è vero anche nel caso di Roma, che a qualche complimento dovrebbe essere abituata. Ma ci sono apprezzamenti e apprezzamenti, e quando sono diretti all’eventualità di ospitare le Olimpiadi 2024, evento per il quale la capitale ha presentato la sua candidatura ufficiale, e provengono nientemeno che da Tomas Bach, presidente del Comitato Olimpico Internazionale, be’, allora ci sono tutte le ragioni per gongolare soddisfatti e speranzosi. “Sono rimasto impressionato da come la città di Roma abbia preso a cuore la sua candidatura per le Olimpiadi 2024“, così Bach ha accolto la delegazione italiana a Losanna, dov’è previsto il primo incontro tecnico con le città in lizza per i Giochi. L’ambasceria italiana, composta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, il direttore generale del Comitato Roma 2024, Claudia Bugno, il sindaco di Roma, Ignazio Marino, e il segretario generale del Coni, Roberto Fabbricini, avrà il compito di illustrare ai signori del CIO i punti di forza del dossier.

Ottimista, e non potrebbe essere altrimenti, il primo cittadino di Roma: “Roma ha tutto quel che serve“, ha detto Ignazio Marino. “C’è molto da fare entro il 2024 per rendere reale il sogno di una Roma sicura, efficiente e bella per tutte le persone che verranno per le Olimpiadi. Una parola cruciale che ispira le nostre azioni e la nostra gestione della città è trasparenza“, e ogni riferimento a fatti recentemente accaduti dalle parti di Palazzo Senatorio è puramente incidentale. “Tutte le nostre scelte, la gestione finanziaria, le nostre partnership, le nostre sponsorizzazioni e tutti i progetti per la città saranno gestiti con prove pubbliche, pubblicando le informazioni per quanto possibile. Lavoreremo con serietà, sobrietà e senza dissipare risorse“, conclude Marino. “Il 1960 è stato uno spartiacque, sia in Italia che in Europa (il riferimento è ai Giochi di Roma del ’60, ndr), ed è per questa ragione crediamo che la città di Roma ha esattamente ciò che serve per essere la migliore candidata per il 2024“. Le rivali di Roma alla corsa alle Olimpiadi 2024 sono Amburgo, Boston, Parigi e Budapest, con la città del Massachussets considerata dai più come la grande favorita. Ci sono ancora due mesi di tempo per presentare altre candidature (la scadenza è il 15 settembre), mentre per la decisione finale del CIO bisognerà attendere il 2017.