Se ne parlava da tempo, ora è praticamente ufficiale: Sergio Scariolo lascia la nazionale spagnola di basket, da domani sarà esclusivamente il coach dell’Olimpia Milano. Lo ha rivelato l’edizione online de El Mundo. L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare già in serata, nel corso di una conferenza-stampa a cui sarà presente anche il presidente federale iberico José Luis Saez.

Come detto, è una decisione che non ha colto di sorpresa nessuno. Già all’indomani della splendida medaglia d’argento olimpica, Scariolo aveva fatto chiaramente capire che, per questioni di stress e di famiglia, non sarebbe più riuscito a reggere il doppio incarico, che dal 2009 in avanti lo aveva costretto a un superlavoro continuativo, senza possibilità di riposare nemmeno in estate (nel calendario della pallacanestro, è il periodo dedicato proprio alle nazionali). Si poteva forse credere che il futuro Mondiale spagnolo, in programma nel 2014, avrebbe potuto persuadere il tecnico bicampione d’Europa a scegliere il percorso vincente con la selección, ma in realtà non era pensabile che il coach abbandonasse la panchina milanese nel bel mezzo dell’annata decisiva del progetto-Armani. E, con il contratto con la Spagna in scadenza a dicembre, non era possibile nemmeno prolungare ulteriormente l’attesa fino alla prossima estate e agli Europei sloveni.

In quattro anni con la Spagna, come ricorda El Mundo, “la sua traiettoria è stata quasi perfetta. Due titoli continentali consecutivi, in Polonia e Lituania, e un argento olimpico, con l’unico passaggio a vuoto rappresentato dal sesto posto ai Mondiali di Turchia”. Difficile fare di più. A Milano, invece, c’è ancora tutto da conquistare.

photo credit: Rafael Gómez Montoya via photopin cc