Un passo in avanti per il nuovo stadio della Roma. Il comune capitolino ha infatti inviato alla Regione il progetto dell’impianto. A comunicarlo lo stesso ente presieduto da Nicola Zingaretti, il quale precisa che all’interno del documento manca però il parere di conformità alla delibera del Consiglio comunale.

“Il Comune ha trasmesso il progetto del nuovo Stadio della Roma: manca nella nota il parere di conformità alla delibera del Consiglio comunale che ne dichiarava la pubblica utilità e si evidenzia esclusivamente il permanere di alcune carenze di documenti e elaborati”, si legge nel comunicato.

Nei prossimi giorni il progetto passerà al vaglio della Regione: ” documentazione è stata approvata dagli uffici comunali e quindi il dossier è stato formalmente trasmesso alla Regione Lazio per l’avvio della conferenza dei servizi”.

Proprio sull’inizio della conferenza dei servizi (che entro sei mesi dovrebbe portare ai permessi per la costruzione del nuovo stadio) potrebbe aprirsi una diatriba tra Regione e Campidoglio.

Senza il parere di conformità alla delibera del Consiglio comunale, la conferenza dei servizi non potrebbe partire. La Regione ora ha cinque giorni per decidere in merito: accettare la documentazione così com’è oppure chiedere allegati.

Il Campidoglio, dal canto suo, è sicuro: “Il parere di conformità non è vincolante ai fini dell’apertura della conferenza dei servizi. Dal canto nostro speriamo che la Regione non voglia mettere i bastoni fra le ruote al progetto”.