Il nuovo presidente della Figc, la Federazione Italiana Giuoco Calcio, avrà l’arduo compito di risollevare un’istituzione precipitata nel caos. E Carlo Tavecchio, nonostante la figuraccia per le frasi razziste, ha conservato una maggioranza tale che gli consentirà di sedersi sulla poltrona più ambita dell’Italia calcistica. L’unica persona che può salvare il nostro paese da una cosa del genere (che io personalmente penso sia molto deleteria per l’immagine intera del nostro movimento in giro per il mondo), è il presidente del Coni, Giovanni Malagò.

Andrea Agnelli attacca Tavecchio: “in Figc si parla solo di banane, Juve tra le prime otto d’Europa”

In un’intervista a Repubblica di due giorni fa, Malagò aveva annunciato: “Secondo me succederà qualcosa di grosso dopo le elezioni”. Già, ma cosa? “Nessuno vuole fare il presidente con poca capacità rappresentativa”. Traducendo: per poter governare, serve una maggioranza coeva, qualificata e larga. L’11 agosto l’assemblea elettiva della Federcalcio si riunirà e voterà, ma all’orizzonte potrebbero esserci diversi scenari. Analizziamoli assieme:

Presidente Figc come viene eletto: ecco perché (per ora) vince Tavecchio

1) Tavecchio vince le elezioni ma solo in terza convocazione, ovvero con il 50% + 1 dei voti.

2) Malagò, conscio delle difficoltà che avrebbe Tavecchio a governare e dell’allargamento del gruppo contro di lui, cercherà di convincerlo a ritirarsi spianando la strada ad un commissariamento lampo: tempi strettissimi, ma pare che Malagò abbia già in mente una squadra di lavoro, composta dal segretario generale del Coni Roberto Fabbricini, Giulio Napolitano e Michele Uva.

John Elkann contro Tavecchio: “Frasi inadeguate”, Chiellini e il rinnovo con la Juventus

E sullo sfondo c’è anche l’ipotesi di deferimento alla procura federale per Tavecchio, con il buon Palazzi che gli rinfaccerà l’aver violato l’articolo 11 del codice di giustizia sportiva in riferimento alla frase su Optì Pobà: “Rischiamo che il futuro presidente federale debba, come primo atto, dare mandato a un avvocato per difendersi dall’accusa di comportamenti discriminatori che la Procura potrebbe muovergli ad horas”, aveva ricordato il coordinatore nazionale del dipartimento sport del Pd, Luca Di Bartolomei, sul proprio blog. Palazzi, l’unico in grado di fermare Tavecchio?