“Messi? Non c’entra col mio arrivo in blaugrana”, si è presentato così il nuovo allenatore del Barcellona, Gerando Daniel Tata Martino, durante la sua prima conferenza stampa.

“È un grande orgoglio essere qui. Sono molto felice, ringrazio la dirigenza che ha pensato a me, di poter vivere questa esperienza. Purtroppo si sa qual è la situazione che ha portato al mio arrivo qui, e ne approfitto per mandare un saluto e un grande in bocca al lupo a Tito”. Tito Vilanova, ex allenatore dei catalani, è stato costretto ad abbandonare il suo ruolo a causa di nuovi trattamenti dopo l’intervento già subito mesi fa per un un tumore.

Il modo di giocare della sua squadra per “El Tata” è chiaro, “Il mio sistema di gioco dipende dai giocatori che ho a disposizione. Nelle mia carriera ho sempre fatto giocare le mie squadre guardando alle caratteristiche dei giocatori. Cercheremo di reintrodurre la pressione sui portatori di palla avversari, ci faciliterà le cose. Messi giocherà nella solita posizione. La sua intesa con Neymar? Non posso pensare che non siano compatibili. Se non lo fossero, sarebbe solo colpa dell’allenatore e non dei singoli giocatori. Dobbiamo continuare ad avere fame e continuare a vincere. L’ideale è avere una squadra che sappia sfruttare tutte le opzioni a propria disposizione. Non vincere niente sarebbe un disastro”.

Molto chiaro infine sul fatto di essere stato defininito un “raccomandato” di Lionel messi, la stella della squadra e suo compaesano della città argentina di Rosario, “Io e Messi non ci conosciamo. Non è vero che lui ha influito sul mio arrivo a Barcellona. Pensavo che un giorno lo avrei allenato: non qui, ma in Argentina”.