Per la prima volta in 115 anni di storia, la nuova maglia che il Barcellona indosserà nella stagione 2015-2016 avrà le strisce orizzontali e non verticali, come era sempre stato fino a questo momento. E’ stato il quotidiano catalano Sport, nella sua edizione odierna, a rivelare la clamorosa e sconvolgente novità; clamorosa e sconvolgente, ovviamente, per chi ancora non si è rassegnato alle invasioni barbariche degli uomini del marketing in materia di divise ufficiali e colori sociali delle squadre, e resta testardamente ancorato alla concezione, assai romantica, che il business non può contare più della tradizione.

Nuova maglia Barcellona 2015-2016

Le tappe che hanno condotto a questa novità semiblasfema sono stati molteplici. Si è iniziato nel 2006, quando per la prima volta il Barcellona accettò di mettersi uno sponsor sulla maglietta: quello dell’Unicef, che proprio sponsor non era, visto che non pagava. Poi, a partire dal 2011, ecco l’irruzione prepotente della Qatar Foundation, che convinse il club blaugrana a rimangiarsi la memoria del passato a suon di dollaroni: 150 milioni per cinque anni, il 30% in più della cifra strappata ieri dal Milan a Emirates per intenderci.

E oggi l’ultimo capitolo: il cambio del design della divisa, che finora era sempre stata dedicata al verticale, con strisce o bande. Nike, sponsor tecnico del club, ha presentato ieri le proprie proposte e il presidente del Barça, Bartomeu, ha vidimato il tutto. Sulla prima maglia faranno capolino delle improbabili strisce orizzontali, a mo’ di Celtic Glasgow, mentre i pantaloncini passeranno dal blu al cremisi. Quest’ultima non una novità assoluta, in realtà, la squadra li aveva indossati anche nelle stagioni 2005-2006 e 2010-2011: in entrambi i casi hanno poi vinto la Champions League e chissà che non vi sia anche un po’ di scaramanzia nella scelta. La seconda maglia sarà interamente gialla nella parte anteriore, mentre sulle spalle verranno riproposte le strisce verticali rosse su sfondo giallo, in omaggio all’Estelada, la bandiera catalana; i pantaloncini saranno blu. Sia Nike che Barcellona, naturalmente, confidano in un boom di vendite.