Italia d’argento ai Mondiali 2015 di nuoto nella staffetta 4×200 femminile grazie ad una superfrazione di Federica Pellegrini che, partita dalla quinta posizione, rimonta giungendo alle spalle degli Stati Uniti.

Nuoto Mondiali 2015, Pellegrini super

Buone le prove di Alice Mizzau, Erica Musso e Chiara Masini Luccetti, ma l’Italia, alla prima medaglia in questa disciplina ai Mondiali, deve ringraziare soprattutto Federica Pellegrini.

Alla campionessa veneta era stato lasciato in dote il quinto posto, lei è stata bravissima a trasformalo in argento, rimontando ai danni di Gran Bretagna, Cina e Svezia, che pure era partita parecchio forte.

La medaglia d’oro è andata alle ragazze degli Stati Uniti, che hanno chiuso la gara in 7’45″37, Italia staccata di tre secondi e dieci centesimi a 7’48″47, la medaglia di bronzo se l’è invece aggiudicata la Cina in 7’49″10.

Sorpresa, in negativo, per la Svezia, che a dispetto di un inizio strepitoso, è rimasta ai piedi del podio.

Per dare la misura della fantastica prestazione di Federica Pellegrini, basta dare un’occhiata al suo 1’54″73 dell’ultima frazione.

Meglio di lei solo la svedese Sarah Sjorstrom in 1’54″31 nella prima frazione, quella che aveva illuso le ragazze scandinave.

Un exploit che Federica Pellegrini, Alice Mizzau, Erica Musso e Chiara Masini proprio non si aspettavano. “Onestamente eravamo preparate al peggio, siamo andate oltre ogni più rosea previsione”.

“Ho attaccato e basta, vedevo solo la cinese”, ha raccontato Federica Pellegrini in una intervista rilasciata a RaiSport “Tra me e me ho ragionato, non dovevo mollare e così ho fatto. Alice è stata brava nella prima frazione, Io, Erica e Chiara abbiamo dato il tutto per tutto”.