Allo stadio Ullevaal di Oslo l’Italia batte 2-0 la Norvegia nella prima giornata del girone H delle qualificazioni a Euro 2016. Nel complesso non delude nessun azzurro. Altra grande prova di Simone Zaza. L’attaccante del Sassuolo denota ancora una volta tutte le sue grandi qualità. Trova pure la prima rete in nazionale. E’ nato nel 1991 e il futuro potrebbe riservargli piacevoli sorprese. Dovrà imparare a essere più cinico sotto porta, ma le sue ultime performance convincenti sono un chiaro messaggio alla concorrenza nel reparto avanzato degli azzurri. Buona prestazione anche per Leonardo Bonucci (foto by Infophoto). Il difensore juventino pare abbastanza sicuro e, quando è chiamato a impostare l’azione, raramente fallisce.

Pagelle Italia

BUFFON 6: praticamente inoperoso, vive una gara da spettatore non pagante.

RANOCCHIA 6: la sua prestazione è positiva. Qualche piccola sbavatura, ma nel complesso non fa rimpiangere Chiellini. Bene così.

BONUCCI 7: buona prova in fase difensiva, bravo anche quando deve costruire. Manca Pirlo e spesso è da lui che inizia la manovra. E’ raro vedergli sbagliare un lancio. Riesce pure a trovare la via del gol con un colpo di testa da sottomisura. Tra i migliori.

ASTORI 6: dei tre difensori è quello che appare un po’ meno sicuro. Si lascia andare ad alcuni interventi sopra le righe e si becca pure un giallo per un’entrata scomposta su un avversario. La sua prova è comunque sufficiente e anche quando il pressing norvegese è elevato cerca di mantenere la calma.

DARMIAN 6: il suo inizio di gara è spumeggiante. Praticamente in costante proiezione offensiva, nei primi minuti serve a Zaza un assist interessante che il compagno non riesce a sfruttare. Cala alla distanza e nella ripresa Conte lo sostituisce con Pasqual.

(PASQUAL 6.5:  un minuto dopo il suo ingresso serve un assist al bacio per il raddoppio di Bonucci, decisivo per evitare agli azzurri inutili sofferenze finali. Il mancino del calciatore della Fiorentina è educatissimo così come la qualità dei suoi cross.)      

FLORENZI 6: tanto impegno, molta corsa e parecchio agonismo così come piace a Conte. Qualcosa da rivedere dal punto di vista della qualità. Sfiora la rete in due occasioni. Soldatino.

(POLI n.g.)

DE ROSSI 6.5: davanti alla difesa disputa una gara attenta e concentrata, ma tutto sommato tranquilla. Regala qualche cambio di gioco azzeccato creando alcune difficoltà ai norvegesi.

GIACCHERINI 6.5: cuore, polmoni, intelligenza tattica. Tutto questo è Giaccherini. Corre e si sbatte per la squadra cercando di mettere in difficoltà i norvegesi con i suoi inserimenti. Peccato per un errore di misura in occasione di un assist a Immobile che avrebbe potuto rendersi molto pericoloso, ma tutto sommato buona prestazione. Un fedelissimo del c.t.

DE SCIGLIO 6: Conte lo lascia in campo novanta minuti. Anche per lui tanta corsa e tanto impegno. Non precisissimo nei cross, ma comunque autore di una prova di personalità in cui cerca più volte la soluzione individuale dalla distanza. La sufficienza gli va anche stretta.

ZAZA 7.5: un’altra prova da incorniciare. Dopo la buona prestazione fornita a Bari, il ragazzo di Policoro si ripete anche a Oslo e questa volta vive la gioia del primo gol azzurro. Tanta roba. Dimostra ancora qualità importanti e una buona intesa con Immobile. Spreca alcune buone occasioni. Sotto questo aspetto può migliorare, ma le sue prove convincenti sono un avviso ai naviganti. Capito Balotelli?

(DESTRO n.g.)

IMMOBILE 6: tanta, tantissima corsa e un sacco di movimento. Parecchio pressing al servizio della squadra e tanto lavoro sporco pagato sotto l’aspetto qualitativo. Qualche errore nei controlli e negli appoggi, ma la prova è sufficiente. Peccato che nel finale debba uscire in barella.

All. CONTE 7: seconda gara sulla panchina azzurra, seconda vittoria. Questa volta, però, non è un’amichevole. Gli azzurri conquistano i primi tre punti nel girone di qualificazione a Euro 2016. L’Italia è aggressiva, corre, lotta e combatte. E’ la mentalità tipica del salentino. Questa per ora è la sua più grande vittoria. E’ ancora molto presto, ma sotto il profilo mentale rispetto al Mondiale brasiliano questa è un’ altra Italia.

Pagelle Norvegia: Nyland 6; Elabdellaoui 6; Nordtveit 5;  Forren 5;  Flo 5.5;  Moller-Dhaeli 5.5; Skjelbred 5 (Pedersen n.g.); Johansen 5.5; Jenssen 5 (Tettey 5.5); Nielsen 5 (Elyounoussi 5.5); King 6. All. Hogmo 5.5.

ARBITRO MAZIC: 6

LEGGI ANCHE:

Stipendi Milan 2014: l’assurdo concetto di un Mexes al top, gli assurdi salari dei rossoneri

Calciomercato Juventus: rinnovi Pogba-Buffon, Dani Alves, Pochettino, Kayal chiama il figlio Pirlo