A mezzanotte ora italiana, all’Arena Pantanal di Cuiba, la Nigeria (44esima nel ranking Fifa) sfiderà la Bosnia Erzegovina (21esima nel ranking Fifa) nella gara che chiuderà la seconda giornata del Gruppo F dei Mondiali 2014. L’altro match di questa giornata del girone B è quello che contrappone Argentina e Iran che scenderanno in campo alle 18.00 italiane.

Non esistono precedenti tra Nigeria e Bosnia Erzegovina.

Nell’esordio ai Mondiali 2014 la Nigeria non è riuscita ad andare oltre lo 0-0 contro l’Iran. Questa è stata una delle partite meno divertenti ed esaltanti del torneo. Le Super Aquile, Campioni d’Africa nel 2013, non hanno disputato un grande match. Ora vorrebbero rifarsi contro la Bosnia Erzegovina. Anche gli uomini di Susic arrivano da una sconfitta patita contro la squadra più blasonata e favorita nel girone: l’Argentina. In quella sfida Dzeko e compagni sono stati sconfitti 2-1 (autorete del bosniaco Kolasinac e splendido gol di Messi per l’Albiceleste, gol di Ibisevic per la Bosnia Erzegovina). Passata l’emozione del debutto nella fase finale di un Mondiale, la Bosnia vorrebbe ora cercare di conquistare i suoi primi storici tre punti.

Keshi dovrebbe schierare la Nigeria con il 4-2-3-1. Il laziale Onazi potrebbe essere in campo dal primo minuto. Anche Susic potrebbe optare per il 4-2-3-1 con il romanista Pjanic, il laziale Lulic e Misimovic nel trio alle spalle di Dzeko. Derby di Roma: in questa sfida il calcio italiano sarà rappresentato da due laziali e un romanista. Dirigerà la gara il neozelandese Peter O’Leary.

Nigeria (4-2-3-1): Enyeama, Ambrose, Omeruo, Yobo, Oshaniwa, Onazi, Obi Mikel, Musa, Azeez, Moses, Emenike. All. Keshi.

Bosnia Erzegovina (4-2-3-1): Begovic, Mujdza, Bicackic, Spahic, Kolasinac, Besic, Ajrovic, Pjanic, Misimovic, Lulic, Dzeko. All. Susic.

LEGGI ANCHE:

Le pagelle di Iran-Nigeria

Claudio Marchisio canzone rap: “Nulla è impossibile”, il videomessaggio verso i giovani

[polldaddy poll="8113584"]