Carolina Panthers e Arizona Cardinals danno il via ai playoff 2015 della National Football League, da Charlotte, in una situazione quasi inedita: i padroni di casa sono infatti approdati alla post season con un record perdente (prima di loro, solo i Seahawks nel 2010), ma godono addirittura del vantaggio del fattore campo, per aver vinto la NFC South Division, la peggiore dell’intera Lega, con quattro squadre tutte approdate a un’imbarazzante situazione negativa nel rapporto vittorie/sconfitte. Match sbilanciato dalla parte di Cam Newton e soci, in teoria, visti gli infortuni che hanno falcidiato i texani.

SFORTUNA ARIZONA

I Cards, infatti, a lungo con il miglior record assoluto NFL, hanno poi rallentato la loro colpa soprattutto per colpa degli infortuni ai loro quarterback, titolare e riserva. Prima si è rotto il crociato anteriore di un ginocchio Carson Palmer, fin lì in gran spolvero per un movimento sfortunato, praticamente da solo, poi si è infortunata la sua riserva, Stanton. Gioca, alla fine, Ryan Lindley, che da titolare ha perso sia contro Seattle che con San Francisco. Ma è il terzo qb della squadra…

LA PARTITA

In questa situazione, è difficile pensare che Arizona possa vincere. Ma ha una squadra forte e una difesa solida, che venderà cara la pelle, come effettivamente accade. Il match però non è bello, perché ricco di errori da una parte e dell’altra. Comunque. Subito 10-0 Panthers, col TD su corsa di Stewart, caldissimo da dicembre. Un pasticcio dei Panthers sul terzo orrido punt di Butler regala palla ad Arizona. Che torna in partita. Lancio comodo di 1 yard da Td di Lindley per il Te Fells. 10-7, ora. Poi i Panthers allungano la serie di pasticci. Prima Gano sbaglia il field goal del possibile 13-7 dalle 43 yds. Poi Newton lancia un intercetto: Cromartie ringrazia e lo riporta per 50 yds. E così il rb matricola Grice segna con una corsa da 1 yard, col fumble commesso a segnatura avvenuta. 14-10 Arizona.

RIMONTA

Ma la partita sembra comunque segnata. Newton si riscatta portando i suoi in raggio da field goal. 14-13 Arizona a fine primo tempo. Nel terzo quarto Newton lancia per Whittaker che trasforma il passaggio corto in un Td di 39 yds. 20-14 Carolina, complice l’ennesima super posizione di campo, dovuta all’ennesimo punt corto avversario. Poi Newton, dopo il fumble di Ginn, trova Tolbert per il Td da 1 yard. 27-14. Il punteggio con cui termina il terzo quarto e di fatto anche la partita (finirà 27-16, dopo il secondo intercetto lanciato da Lindley a 2 yds dall’end zone, stavolta preda di Boston). L’attacco di Arizona chiuderà’ con 77 yds complessive, peggior prestazione di sempre in post season. Vince in carrozza Carolina, e in casa ai playoff non lo faceva dal 2003 (1° successo dal 2005).  Ai Panthers è bastato smettere di fare regali per prendere in mano la partita. Contro un avversario onestamente menomato dalle assenze.  Ma al prossimo turno contro Seattle o Green Bay è difficile immaginare che la stessa squadra vincente in Wild Card abbia poco più che una chance…, anche perché in ogni caso giocherà fuori casa.