Superata la boa di metà stagione, tempo di primo bilancio dopo nove settimane di partite nella National Football League e come sempre non sono mancate le sorprese. La prima ha ‘nome e cognome’, ovvero Arizona Cardinals, vera grande rivelazione dell’annata 2014-2015. Ma andiamo con ordine, per Conference.

LA SITUAZIONE IN CLASSIFICA

AMERICAN FOOTBALL CONFERENCE

Tutto come previsto nell’AFC East, con New England assolutamente padrona della Division, lanciatissima dopo il successo sui Kansas City Chiefs e reduce ora da cinque vittorie consecutive in cui ha segnato oltre 40 punti di media. Tutto prevedibile, se vogliamo, perché la squadra è sempre stata fortissima praticamente dal 2002, ma se nelle ultime 3 annate aveva dato l’impressione di essere sì da playoff, ma forse non da titolo, ora si torna a pensare quanto meno al Super Bowl. Brady sta innescando alla perfezione un attacco esplosivo con il ritorno di Gronkowski ed Edelman ricevitore sopraffino. Al momento attuale, è la miglior squadra NFL. Ma deve portare questa forma fino a gennaio… Attenzione, nella stessa division, a Miami, forse la compagine più ‘calda’ del momento. Dopo le critiche ricevute anche dal suo stesso staff tecnico, il qb Ryan Tannehill sta trascinando i Dolphins reduci da tre vittorie consecutive. Provateci voi a lasciare a zero punti i San Diego Chargers… Jets in caduta libera, Bills sorprendenti e in corsa per la wild card.
Pronostico finora confermato anche per Colts e Broncos, ma se Andrew Luck sembra veramente il degno erede dello stesso Brady e di Peyton Manning, quest’ultimo è reduce dal pesante ko proprio con New England, a testimoniare la solita, nota difficoltà nelle partite ‘che contano’, non solo nei playoff. Denver ci arriverà e anche bene, poi però Manning dovrà essere perfetto per tornare al Super Bowl e questa volta vincerlo. Ci riuscirà? Il dubbio rimane. Indianapolis difetta di continuità, sulla singola gara può battere chiunque, ma anche prendere imbarcate pesanti. Attacco, comunque, spettacolare. Difesa rivedibile. Grande lotta nella AFC North, con Pittsburgh squadra esperta e in gran forma dopo un inizio titubante, Cleveland grossa sorpresa finora (con Tashaun Gipson re degli intercetti), Cincinnati e Baltimore su buoni livelli, come previsto. Delusioni? Houston, nonostante Arian Foster, e in parte San Diego, in caduta libera dopo un grande inizio. Antonio Brown, WR degli Steelers, è il nostro ‘uomo in più’ della Conference, finora, con 996 yard su ricezione.

Previsioni: Denver, New England, Pittsburgh e Indianapolis primi nelle rispettive division, Miami e Cincinnati Wild Card.

NATIONAL FOOTBALL CONFERENCE

Livello un po’ più basso, soprattutto perché San Francisco e Seattle (campione in carica) sono in difficoltà, in modo particolare in attacco e per colpa anche della linea offensiva che non protegge come dovrebbe Kaepernick e Wilson. Si possono riprendere entrambe (i Seahawks in realtà hanno un buon record, 5-3, inferiore comunque alle attese), ma devono farlo alla svelta perché nella stessa Division, la NFC West, Arizona sta volando sull’asse Palmer (qb)-Ellington (rb)-Fitzgerald-Floyd (WR), senza dimenticare che i Cardinals avranno il Super Bowl in casa e che lo scorso anno chiusero comunque con un ottimo bilancio, 10-6, pur senza qualificarsi per i playoff. Detroit è l’altra sorpresa della Conference che attende, tra l’altro, i rientri dagli infortuni di Calvin Johnson e Reggie Bush. Stare a galla senza di loro è stata una grande impresa. Occhio ai Lions. Philadelphia non sorprende, mentre Dallas è in caduta libera dopo lo stop di Romo, ko proprio nel momento in cui stava giocando forse con più continuità che mai, in carriera. La schiena preoccupa, ma con il suo tipo di infortunio tanti qb hanno comunque disputato tutta la regular season, in passato… Green Bay ha Aaron Rogers, ma non una difesa all’altezza. Delusioni: Bears e Giants, finora, mentre temiamo di non rivedere più l’RGIII della prima stagione da rookie, a Washington…Brees è sempre una meraviglia da vedere in azione con i Saints, in attacco, e ora la squadra si è ripresa dopo un inizio difficile. Mina vagante… DeMarco Murray, rb dei Cowboys, è l’uomo della Conference, per noi, ma basterà, in contumacia Tony Romo? Weeden, il sostituto nel ruolo di qb, è sembrato tutto fuorché un grande giocatore, come per altro si era già visto da tempo.

Previsioni: Philadelphia, Green Bay, New Orleans e Arizona prime nelle division, Seattle e Detroit wild card. Con San Francisco, ai Championships nelle ultime tre stagioni, fuori…