Arriva prontamente, anche se con due partite ben diverse, il riscatto per i Cleveland Cavaliers e gli Houston Rockets in gara due delle rispettive serie nelle semifinali di Conference, sotto 0-1 nella serie, contro Bulls e Clippers. LeBron James e compagni dominano di fatto il match con Chicago, che comunque ha guadagnato il vantaggio del fattore campo vincendo gara 1, aggredendo subito il canestro, tirando decisamente meglio (ma non troppo) e trovando in James Jones (17 punti con 5/9 da tre) una grande risorsa dalla panchina. Per James, 33 punti, 8 rimbalzi, 5 assist; 21 per Irving, 15 per Shumpert; in quintetto, come ala piccola, Thompson al posto di Miller. Per Chicago, 14 punti e 10 assist di Rose. Houston recupera 14 punti di svantaggio a cavallo degli ultimi due periodi di gioco, dominando sotto i tabelloni e raccogliendo ben 14 rimbalzi in più dei Clippers, comunque bravi sempre senza Paul, ben 15 in attacco.

HOUSTON ROCKETS-LOS ANGELES CLIPPERS 115-109 (1-1).

Partita bella, tirata quasi fino alla fine, ma che vive di parziali: Rockets avanti in doppia cifra all’inizio, poi super rimonta Clippers, che sprecano 14 punti di vantaggio, tornano sotto di nove punti, ma a 1′ dalla fine sono ancora a -4. La differenza la fanno i rimbalzi d’attacco per i Rockets, ben 15, 4 con Howard, che schiaccia tutto quello che trova: 24 punti, 16 rimbalzi, con 8/11 dal campo e 8/21 ai liberi per lui. Harden aggiunge 32 punti e 7 assist, pur tirando 3/10 dalla lunga distanza, ma 16 punti li segna nell’ultimo periodo…; Jones e Terry arrivano a quota 10 punti, Ariza a 15. Houston vince con 5/26 da tre… Dall’altra parte, Los Angeles dimostra comunque di essere una grande squadra perché se la gioca fino in fondo pur priva ancora di Chris Paul. Per Griffin, altra sontuosa partita, con 34 punti, 15 rimbalzi e 13/23 dal campo. Jordan aggiunge 16 punti e 12 rimbalzi, 19 punti per un ottimo Crawford dalla panchina. Ora si va in California per gara 3.