Inizio con il botto per i playoff NBA 2014! Se Brooklyn va a vincere in casa di Toronto, auspicabile, ma non così scontato, ecco la sorpresissima, sempre a est: Atlanta, con una partita sontuosa, sempre in controllo e un terzo quarto devastante, sorprende la n1 Indiana, imponendosi 93-101 fuori casa!

A Ovest, gara meravigliosa tra Los Angeles Clippers e Golden State Warriors, decisa nel finale dai tiri liberi dopo una sfida infuocata tra i tiratori, da una parte Redick, dall’altra Thompson. Alla fine la spunta la squadra di Mark Jackson per la terza vittoria in trasferta su quattro match, in apertura di post-season. Oklahoma City, invece, regola Memphis a domicilio, con 33 punti di Durant, 23 di Westbrook e 17 di Ibaka..

A Indianapolis succede l’imponderabile, o forse neanche tanto, vista la crisi dell’ultimo mese in casa Pacers. La faccia di Larry Bird, presidente di Indiana, inquadrato in tribuna nel finale di partita, era tutta un programma. Gli Hawks smantellano la testa di serie n.1 a est con 11 triple, ma soprattutto con i 25 punti di Paul Millsap e i 28 di Jeff Teague (nella foto). Avanti già nel primo quarto, dopo il 50-50 all’intervallo Atlanta scava il solco decisivo nel terzo periodo, con un parziale di 16-30 e poi non si guarda più indietro. Per George (24 punti) e compagni, pessima serata al tiro (42%, con 16/23 ai liberi) e giornata da dimenticare.

GARA 1 – INDIANA PACERS-ATLANTA HAWKS 93-101 (serie 0-1).

A Toronto c’è il pubblico delle grandi occasioni per il ritorno ai playoff dopo 6 anni, ma l’unica serie vinta nella storia della franchigia, con Vince Carter in campo, contro in Knicks, risale al primo turno del 2001. La squadra canadese ci mette grande orgoglio dopo un inizio di partita pessimo per entrambe le compagini e va in vantaggio all’intervallo, grazie soprattutto a Lowry (22 punti e 8 assist alla fine) e Valanciunas (17 e 8 rimbalzi in totale), mentre la prima in post season di DeRozan è un incubo: 14 punti, sì, ma con 3-13 dal campo, 0/4 da 3 e, almeno, 8/8 ai liberi. Match in equilibrio anche nel terzo periodo, poi, nel quarto, ecco Paul Pierce, che a sei minuti dal termine era a quota 6 punti, ma chiuderà alla fine con 15, spaccando la gara e la serie e rivolgendosi al pubblico dopo l’ultimo canestro con la frase “that’s why I’m here“, “sono qui per questo“, per segnare i canestri decisivi nei finali tirati. Garnett centra l’unico canestro dal campo della sua gara (5 punti) nel momento più importante del match, mentre Williams e Johnson tengono a galla la squadra di Jason Kidd nei primi tre quarti, chiudendo, in “combo”, con 48 punti, 24 a testa.

GARA 1 – TORONTO RAPTORS-BROOKLYN NETS 87-94 (serie 0-1).

A Los Angeles, sponda Clippers con i Lakers in vacanza, va in scena un match equilibrato e meraviglioso, soprattutto nel secondo tempo, per quanto anche molto “intenso”, falloso e nervoso, con Griffin e Iguodala usciti anzitempo per 6 falli. Paul e compagni vanno subito avanti 11-1, poi lentamente Golden State si rimette in partita: 52-52 pari all’intervallo, quindi ecco i Fuochi d’Artificio, con Redick da un parte (22 punti e 4/5 da tre) e Thompson dall’altra (22 e 4/7 da tre) a bombardare i canestri. Per 5′ circa non sbaglia più nessuno, nonostante le buone difese. A inizio quarto periodo i Warriors volano a sopresa a +10 rompendo l’equilibrio, ma Los Angeles lentamente rimonta con Griffin e poi pareggia con due triple di un grande Chris Paul nel finale (per lui, 28 punti e 8 assist). Decidono però i liberi, che condannano i Clippers: 23/35!

GARA 1 – LOS ANGELES CLIPPERS-GOLDEN STATE WARRIORS 105-109 (serie, 0-1).

CLASSIFICHE:

EASTERN CONFERENCE                   WESTERN CONFERENCE
1. Indiana 56-26                                          1. San Antonio 62-20
2. Miami 54-28                                             2. Oklahoma City 59-23
3. Toronto 48-34                                          3. LA Clippers 57-25
4. Chicago 48-34                                         4. Houston 54-28
5. Washington 44-38                                  5. Portland 54-28
6. Brooklyn 44-38                                       6. Golden State 51-31
7. Charlotte 43-39                                      7. Memphis 50-32
8. Atlanta 38-44                                          8. Dallas 49-33
9. New York 37-45                                     9. Phoenix 48-34
10. Cleveland 33-49                                 10. Minnesota 40-42
11. Detroit 29-53                                       11. Denver 36-46
12. Boston 25-57                                       12. New Orleans 34-48
13. Orlando 23-59                                     13. Sacramento 28-54
14. Philadelphia 19-63                              14. LA Lakers 27-55
15. Milwaukee 15-67                                 15. Utah 25-57

ACCOPPIAMENTI PLAYOFF:

EASTERN CONFERENCE                      WESTERN CONFERENCE
(1) Indiana – (8) Atlanta 0-1                        (1) San Antonio – (8) Dallas
(4) Chicago – (5) Washington                      (4) Houston – (5) Portland
(3) Toronto – (6) Brooklyn 0-1                   (3) LA Clippers – (6) Golden State 0-1
(2) Miami – (7) Charlotte                              (2) Oklahoma City – (7) Memphis 1-0

Ecco il calendario odierno (tutte le partite in streaming gratuito su League Pass) con l’inizio delle gare in orario italiano

DOMENICA 20
ore 19 San Antonio-Dallas
ore 21.30 Miami-Charlotte
ore 1 Chicago-Washington
ore 3.30 Houston-Portland

PLAYOFF, REGOLAMENTO, ACCOPPIAMENTI, CLASSIFICHE