Ottanta due partite di regular season per ciascuna delle trenta squadre NBA, divise in due Conference e sei Divisions: missione compiuta. Con le solite sorprese e accoppiamenti intriganti per i playoff.

UN ANNO FA IL SECONDO TRIONFO CONSECUTIVO DI MIAMI

Rispetto alle previsioni di inizio stagione, sorprende soprattutto il fatto che Miami, bi-campione uscente, non abbia il miglior record a est, con due sole partite vinte in meno di Indiana: George e compagni avranno così il vantaggio del fattore campo nella Finale di Conference più attesa, rivincita della scorso anno, Pacers-Heat, appunto. Ma LeBron James e compagni sanno dare il meglio quando conta di più e per questo motivo continuiamo a considerare gli Heat i favoriti per il titolo. Restando a est, grande stagione, finalmente, per Toronto, che sfiora le 50 vittorie, bene tutto sommato Chicago vista l’assenza di Derrick Rose, mentre John Wall ha riportato Washington ai playoff; ci si aspettava di più da Brooklyn, guidata da Kidd, ma visto l’inizio molto complicato, non ci si può lamentare. Alla post season, pur con un record perdente, Atlanta. Niente da fare per Celtics e Knicks, con i Lakers le squadre più famose, idolatrate, tifate, vincenti (solo nel caso di Boston e LA) della lega: per la prima volta tutte e tre hanno fallito l’accesso al momento più importante della stagione contemporaneamente. Una svolta epocale.

A Ovest S. Antonio, finalista un anno fa battuta 4-3 da Miami in maniera rocambolesca, vince come da pronostico la Western Conference davanti ai principali rivali di Oklahoma City, mentre gli eterni perdenti, i Clippers, ottengono il miglior record della loro storia in regular season, con 57 vittorie. Molto interessanti, nei playoff, le sfide Houston-Portland, apertissima, Clippers-Warriors, con Golden State capace di mettere in difficoltà Blake e compagni e soprattutto attenzione alla rivincita tra Kevin Durant e la coppia Gasol-Randolph, ovvero Oklahoma-Memphis: un anno fa i Grizzlies eliminarono a sorpresa i Thunder (privi però di Westbrook) in semifinale di conference.

Si parte sabato e per la prima volta nella storia un italiano, assoluto protagonista pur entrando spesso dalla panchina, Marco Belinelli, si presenta ai nastri di partenza dei playoff con le chance per raggiungere quanto meno la finale NBA (ma anche di vincerla, nel caso), con i San Antonio Spurs. Sarebbe una prima assoluta, ovviamente. In bocca al lupo.

CLASSIFICHE:

EASTERN CONFERENCE                   WESTERN CONFERENCE
1. Indiana 56-26                                          1. San Antonio 62-20
2. Miami 54-28                                             2. Oklahoma City 59-23
3. Toronto 48-34                                          3. LA Clippers 57-25
4. Chicago 48-34                                         4. Houston 54-28
5. Washington 44-38                                  5. Portland 54-28
6. Brooklyn 44-38                                       6. Golden State 51-31
7. Charlotte 43-39                                      7. Memphis 50-32
8. Atlanta 38-44                                          8. Dallas 49-33
9. New York 37-45                                     9. Phoenix 48-34
10. Cleveland 33-49                                 10. Minnesota 40-42
11. Detroit 29-53                                       11. Denver 36-46
12. Boston 25-57                                       12. New Orleans 34-48
13. Orlando 23-59                                     13. Sacramento 28-54
14. Philadelphia 19-63                              14. LA Lakers 27-55
15. Milwaukee 15-67                                 15. Utah 25-57

ACCOPPIAMENTI PLAYOFF:

EASTERN CONFERENCE                WESTERN CONFERENCE
(1) Indiana – (8) Atlanta                        (1) San Antonio – (8) Dallas
(4) Chicago – (5) Washington               (4) Houston – (5) Portland
(3) Toronto – (6) Brooklyn                    (3) LA Clippers – (6) Golden State
(2) Miami – (7) Charlotte                       (2) Oklahoma City – (7) Memphis

Ecco il calendario dei primi due giorni (tutte le partite in streaming gratuito su League Pass) con l’inizio delle gare in orario italiano
SABATO 19
ore 18.30 Toronto-Brooklyn
ore 21.30 Clippers-Golden State
ore 1 Indiana-Atlanta
ore 3.30 Oklahoma City-Memphis
DOMENICA 20
ore 19 San Antonio-Dallas
ore 21.30 Miami-Charlotte
ore 1 Chicago-Washington
ore 3.30 Houston-Portland

PLAYOFF, REGOLAMENTO, ACCOPPIAMENTI, CLASSIFICHE