Autore di un superbo secondo quarto, Sacramento batte Denver 120-113. Ko che manda su tutte le furie il coach dei Nuggets Mike Malone.

LA GRANDE FUGA

Positivo in attacco con le triple di Gallinari, Denver soffre parecchio a livello difensivo DeMarcus Cousins. Regna l’equilibrio, almeno fino ad avvio secondo quarto. Grazie al buon impatto dalla panchina di Arron Afflalo, i Kings danno via alla fuga. Denver perde smalto nelle manovre offensive, al contrario del duo Cousins-Collison che regala a Sacramento il parziale di 15-0, facendole condurre l’incontro. Le triple di Arthur e Mudiay nei 60’’ finali del primo tempo tengono accesa la speranza per i padroni di casa, che tornano comunque negli spogliatoi sotto di nove lunghezze.

VETERANI MESSI IN DISCUSSIONE

Nel terzo quarto Jokic e Gallinari creano numerosi grattacapi ai Kings e i Nuggets arrivano al -3 nel finale della terza frazione, con il canestro del Gallo. -5 con 3’49’’ restanti nell’ultimo quarto, i padroni di casa devono però alla fine soccombere, trafitti da Afflalo e Collison. Concluso l’incontro Mike Malone dimostra di non aver per nulla gradito la sconfitta, prendendosela con i suo giocatori più esperti: “In questo momento – afferma il coach dei Nuggets – non c’è leadership da parte dei nostri veterani”. Di tutt’altra opinione Danilo Gallinari: “Non sono d’accordo – evidenzia l’azzurro che termina la sfida con i Kings con 24 punti e quattro rimbalzi in 33’ – non credo sia quello il problema della squadra. Penso che tutti i veterani del gruppo siano d’accordo con me”.

Denver: Gallinari 24 (4/6 da due, 4/6 da tre e 4/4 ai liberi) con quattro rimbalzi, tre assist e una stoppata in 33’. Jokic 18 (6/10, 1/2), Nurkic 16, Harris 15. Rimbalzi: Jokic 7.
Sacramento: Cousins 31 (7/18, 3/7), Collison 26, Afflalo 19, Koufos 18. Rimbalzi: Temple, Cousins 6. Assist: Collison 7.